aimac

Il controllo del peso per il linfedema

Il controllo del peso è un aspetto importante nella gestione del linfedema perché il sovrappeso rallenta la circolazione linfatica e rende più difficile il trattamento. Anche la terapia contenitiva diventa più difficile. È bene, quindi, evitare di ingrassare o, se si è già guadagnato del peso, cercare di dimagrire. Tutto questo non è facile. In talune circostanze, ad esempio dopo il trattamento per un carcinoma mammario, le donne possono scoprire di essere ingrassate. Cercate di mantenere il peso entro i limiti normali per il vostro fisico e la vostra altezza. Chiedete consiglio al dietologo o al nutrizionista, che sapranno darvi le indicazioni più appropriate per il vostro caso.

Consigli pratici

  • Seguire una dieta bilanciata ricca di fibre, frutta e verdura - che assicurano l'assunzione di tutte le sostanze nutritive di cui l'organismo ha bisogno per preservare la salute - oltre a sali minerali, ma povera di grassi e sodio.
  • Evitare le diete d'urto. Perdere peso lentamente è il modo più sano e assicura risultati più duraturi.
  • Ridurre il consumo di carni rosse, aumentare quello di carni bianche (pollo, tacchino, coniglio, vitello) e pesce.
  • Ridurre il consumo di sale, grassi e zuccheri.
  • Aumentare l'esercizio fisico aiuta a bruciare più calorie.
  • Bere almeno 1,5 l di acqua al giorno, limitando il consumo di bevande alcoliche e zuccherine.
  • Mangiare lentamente, masticando bene per favorire la digestione, evitando di compiere altre attività (leggere, discutere, ecc.).

Il menù quotidiano potrebbe essere così composto:

Colazione:
latte parzialmente scremato o spremuta o succo di frutta

cereali o fette biscottate o pane o biscotti leggeri

Spuntino:   
(se gradito a metà mattinata) frutta o yogurt

Pranzo:     
pasta condita con pomodoro o verdure o ricotta o pesto, oppure

pasta o riso con legumi (lenticchie, fagioli, piselli, ceci)

verdura cotta o cruda

un frutto

Cena:
preferibilmente pesce (una-due volte a settimana) o carni bianche (una-due volte a settimana ) o carni rosse (una volta a settimana); o formaggio fresco (ricotta, mozzarella, scamorza, caciotta, caprino, crescenza, tomini freschi; due volte a settimana), o prosciutto crudo/cotto o bresaola o speck (una-due volte a settimana)

verdura cotta o cruda ( almeno due porzioni al giorno)

un frutto ( almeno tre porzioni al giorno)

Condire preferibilmente con olio extra-vergine di oliva o di semi evitando burro, panna, strutto e margarine.

Qualunque dieta deve avvenire sempre sotto controllo medico. Assolutamente vietato il ‘fai-da-te'.

Oltre alla dieta è altrettanto utile non fumare, perché il fumo rallenta la circolazione e può peggiorare le condizioni della pelle, già stressata dal linfedema.

Smettere di fumare riduce il rischio di patologie cardiopolmonari, di osteoporosi e di tumori correlati al fumo.

Informazioni aggiuntive

Letto 2543 volte Ultima modifica il Venerdì, 27 Settembre 2013

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2015. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.

 

×

Aiutaci ad aiutare!

 

AIMAC tree

I servizi messi a disposizione da AIMaC per i malati di cancro sono completamente gratuiti, ma molto onerosi per l'Associazione. Se ogni visitatore del sito facesse anche solo una piccola donazione, la nostra raccolta fondi terminerebbe in pochi giorni permettendoci di continuare a sostenere i malati e i loro familiari lungo il percorso della malattia. 

Dona ora!