aimac

Donne staniere: prevenzione e cura dei tumori

In Italia meno del 50% delle donne straniere si sottopone a pap-test per la diagnosi precoce del carcinoma della cervice uterina, contro il 72% delle donne italiane. Allo stesso modo, meno del 43% si sottopone a mammografia, contro il 73% delle italiane. Spesso, quindi, le donne straniere arrivano alla diagnosi di tumore quando sono già in fase avanzata, riducendo le possibilità di guarigione.

Alla luce di ciò è nato il “Foreign Women Cancer Care”, un progetto di AIMaC, Caritas, Istituto Regina Elena e Ospedale Fatebenefratelli di Roma, finalizzato a facilitare la partecipazione delle donne straniere, con particolare riferimento alle comunità filippina e cinese, ai programmi di prevenzione e cura dei tumori femminili (collo dell’utero e mammella). Il progetto, finanziato dal Ministero dell’Interno, ha prodotto risultati oltre ogni aspettativa.

Le attività progettuali, che prevedevano sensibilizzazione alla prevenzione dei tumori femminili sul territorio di Roma e specifici percorsi di mediazione culturale per le donne straniere presso l’Istituto Regina Elena e l’Ospedale Fatebenefratelli di Roma, si sono concluse nel giugno 2014. Tuttavia il nostro impegno continua con l’intento di garantire continuità alle attività già avviate ed estenderle a livello nazionale.

Poche e corrette informazioni possono bastare a salvare una vita.

Il tumore del collo dell’utero si può prevenire sottoponendosi periodicamente a pap test (gratuito ogni tre anni per le donne tra i 25 e 64 anni) o, quando ci sono le adeguate condizioni cliniche, vaccinandosi contro il virus HPV (Human Papillomavirus).
Sottoporsi periodicamente a mammografia (gratuita ogni due anni tra i 45 e 69 anni), invece, riduce notevolmente il rischio di una diagnosi tardiva di tumore della mammella.

Per ulteriori informazioni e materiale informativo sui percorsi di prevenzione e cura dei tumori femminili e le relative modalità di accesso (in lingua italiana, cinese, filippina, inglese, spagnola e francese), visita il sito www.womencancercare.it.

Vaccini gratuiti contro il virus HPV

In Italia, le bambine tra gli 11 e i 12 anni possono essere vaccinate gratuitamente contro il virus HPV nelle ASL di appartenenza, dopo aver ricevuto la chiamata dalla stessa ASL. Anche le donne adulte fino a 45 anni di età possono essere vaccinate, ma non gratuitamente. La quota da pagare varia a seconda della regione in cui si risiede. Nel Lazio è di 65 euro per ogni dose di vaccino, da moltiplicare per un totale di 3 dosi.

Per le donne straniere tra 18 e 45 anni, AIMaC mette a disposizione gratuitamente alcune dosi di vaccino (fino ad esaurimento scorte) da somministrare presso l’Istituto Regina Elena, previo parere del medico ed eventuale test virale. Per sapere come usufruire di quest’opportunità e per avere ulteriori informazioni,
è possibile rivolgersi all’Help-line di AIMaC al numero verde 840 503579 o all’indirizzo info@aimac.it.

Scarica la guida alla prevenzione

Vuoi saperne di più suoi tumori femminili?

Visita il sito www.womencancercare.it o chiamaci numero verde 840 503579: inizia a prenderti cura di te, è un tuo diritto!

Letto 9860 volte Ultima modifica il Venerdì, 07 Agosto 2015

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2015. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.

 

Aiutaci ad aiutare!

 

AIMAC tree

I servizi messi a disposizione da AIMaC per i malati di cancro sono completamente gratuiti, ma molto onerosi per l'Associazione. Se ogni visitatore del sito facesse anche solo una piccola donazione, la nostra raccolta fondi terminerebbe in pochi giorni permettendoci di continuare a sostenere i malati e i loro familiari lungo il percorso della malattia. 

Dona ora!