aimac logo

Notizie - Aimac - Associazione Italiana Malati di Cancro

Questionario online Aimac capable 1L'emergenza sanitaria causata dall'epidemia da Coronavirus sta avendo un impatto molto forte sulla vita di tutti, e ancor più su chi - come i malati oncologici - deve mantenere la guardia ancora più alta a causa di una condizione di maggiore fragilità.
 
Tuttavia, questa situazione di emergenza può avere l'effetto positivo di stimolare e accelerare la ricerca di soluzioni innovative per rispondere ai nuovi bisogni dei malati di cancro, determinando lo sviluppo di servizi innovativi che potranno migliorare il loro percorso terapeutico, anche quando l'emergenza sarà terminata.
 
E' con questo spirito che Aimac ha deciso di sviluppare un questionario rivolto ai malati di cancro, per comprendere meglio quali siano i loro bisogni ai tempi del Covid-19, e in che misura essi si avvalgano (o desiderino avvalersi) di soluzioni innovative e tecnologiche per migliorare la propria qualità di vita. 

Pubblicata su 'La Stampa', a firma di Paolo Russo, la denuncia della Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia (FAVO) in merito alla situazione di forte difficoltà in cui vengono a trovarsi i lavoratori malati oncologici dopo l'approvazione in Senato della legge di conversione del Decreto Cura Italia. Senza aver recepito l'emendamento proposto da FAVO, infatti, l'art. 26 del decreto prevede ancora una doppia certificazione rilasciata “dalle competenti autorità sanitarie nonché dal medico di assistenza primaria che ha in carico il paziente” per giustificare, fino al 30 aprile, l’assenza dal lavoro, coperta da indennità di malattia equiparata al ricovero ospedaliero.

In tal modo i lavoratori malati di cancro, fra i più a rischio di contagio da Coronavirus, si trovano di fronte ad una norma che non li tutela, perchè sancisce un diritto di fatto inesigibile.

 

Leggi il Comunicato Stampa di FAVO


Leggi l'articolo pubblicato da 'La Stampa'

 

 

Da sempre il forum di Aimac si caratterizza come una possibilità di scambio e confronto tra chi vive la malattia oncologica. Per questo nel momento di difficoltà che stiamo vivendo, dovuta all'emergenza sanitaria per la diffusione del coronavirus, abbiamo pensato di creare una nuova e specifica discussione sull’argomento. Questo per farvi arrivare la nostra vicinanza e per dare ad ognuno di voi la possibilità, in un clima di condivisione, di confrontarvi anche riportando la vostra esperienza su questo tema.

Accedi al forum di Aimac

 

Chiedi allesperto 2Come descritto nelle raccomandazioni della Dr.ssa Zagonel - presidente del comitato scientifico di Aimac e Direttore del Dipartimento di Oncologia Clinica e Sperimentale all'Istituto Oncologico Veneto di Padova - i malati oncologici devono avere delle accortezze in più in merito a una possibile infezione da COVID-19. 

Anche per questo, sappiamo che molti dubbi e molte domande possono sorgere sulla corelazione fra coronavirus e malattia oncologica, sulle precauzioni da tenere, sui cambiamenti che possono incorrere nel percorso terapeutico.

Abbiamo chiesto alla Dr.ssa Zagonel di rispondere ai vostri quesiti specifici su coronavirus e cancro. Se volete, potete inviarceli all'indirizzo email info@aimac.it: la nostra helpline si occuperà di girarle alla Dottoressa ogni mercoledì e venerdì, e di farvi pervenire la sua risposta nell'arco di alcuni giorni.

Zagonel

In questo momento di epidemia da Coronavirus, che ha colpito l’Italia, vogliamo esprimere ancora di più la nostra vicinanza a tutti Voi e alle Vostre famiglie.

I pochi dati scientifici al momento disponibili, ci inducono a pensare che i malati oncologici in trattamento siano persone da proteggere particolarmente dalla possibile infezione virale, poiché questa, in persone già compromesse, potrebbe avere esiti più gravi.

E’ per questo che raccomandiamo a tutti di mettere in atto scrupolosamente, TUTTE le misure precauzionali che sono già state ampiamente diffuse, in particolare il lavaggio frequente delle mani, e le distanze tra le persone, anche con i familiari, con utilizzo di mascherina chirurgica per accedere all’Ospedale o ad altri ambienti frequentati da persone .

Web Sostegno psi a distanzaLa reazione più comune, in casi emergenziali come quello che stiamo vivendo, è quella di sperimentare la paura. E' un'emozione del tutto normale, e fondamentale per la nostra difesa: se non la provassimo, non riusciremmo a metterci in salvo dai rischi.

Tuttavia, gestire la paura può non essere facile, ed è in questi casi che non si deve aver timore di chiedere aiuto. 

Noi di Aimac siamo al vostro fianco attraverso il nostro servizio di help line. Se vuoi, puoi contattarci ai numeri 3755904047 e 3408472343, o all'email info@aimac.it: le nostre psicoterapeute sono pronte ad ascoltarvi e supportarvi.
La Circolare ministeriale (Ministero del Lavoro n. 3/2020) esplicativa del decreto legge c.d. Cura Italia, entra nel dettaglio operativo delle tutele (permessi, congedi parentali, lavoro agile) per i lavoratori dipendenti pubblici e privati portatori di handicap grave o affetti dagravi patologie come quelle oncologiche e per i lavoratori che assistono familiari malati o disabili.

Per tutti i pazienti in cura - oncologici ma non solo - i piani terapeutici che scadono a marzo e aprile vengono rinnovati in modo automatico per 90 giorni (dalla scadenza). Non ci sarà quindi bisogno di tornare in ospedale per il rinnovo, come prevederebbe la prassi. Lo ha deciso l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), che in una nota sottolinea la “necessità di ridurre il rischio di infezione da SARS-CoV-2 nei pazienti anziani o con malattie croniche, limitando l’affluenza negli ambulatori specialistici”.

Leggi l'articolo completo di Tiziana Moriconi su Repubblica.it

Leggi la nota dell'AIFA cliccando qui

Cura ItaliaCon il DL 17 marzo 2020 n.181 “Cura Italia “ il Governo ha emanato una serie di misure straordinarie di sostegno all’economia e alle famiglie messe in difficoltà dall’emergenza epidemiologica da Coronavirus .

Di particolare interesse per le persone malate di cancro o affette da altre patologie gravi che a causa della malattia o dei trattamenti terapeutici si trovano in condizione di immunodepressione, si segnalano alcune misure, in materia di tutela del lavoro, che si aggiungono a quelle precedentemente emanate a tutela dei lavoratori anche in assenza di particolari condizioni di salute.
 
Per saperne di più su aspetti come telelavoro, giorni di permesso o assenze per malattia (anche con riferimenti specifici ai malati oncologici), è possibile scaricare il vademecum a cura di Elisabetta Iannelli cliccando qui

 

Nell'ambito dell'emergenza da COVID-19, la Direzione Generale della programmazione sanitaria del Ministero della Salute ha pubblicato delle raccomandazioni specifiche per la gestione dei pazienti oncologici e onco-ematologici, in ragione del maggior rischio di infezione connesso alla loro condizione. 
 
Le raccomandazioni riguardano tanto i pazienti che hanno completato il percorso terapeutico (cosiddetti off-therapy) che i pazienti ancora in trattamento.
 
E' possibile scaricare il documento direttamente dal sito del Ministero della Salute
 
 

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2019. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.