aimac logo

Notizie

Roma, 20 febbraio 2018 (Adnkronos Salute) - "Una buona notizia per i malati e le famiglie". E' il commento di Elisabetta Iannelli, vice presidente Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici (Aimac), al progetto 'Proton4Life': un grande polo di protonterapia contro i tumori frutto della collaborazione tra Policlinico Gemelli di Roma, Istituto nazionale Regina Elena, Enea e Regione Lazio. "E' importante però non illudere i pazienti - aggiunge Iannelli all'Adnkronos Salute - perché questo tipo di cura non può essere utilizzata per tutti i tumori ma solo per quelli rari. E credo che ci vorrà qualche anno prima di vederla operativa. Però è decisamente un passo in avanti per il Lazio, anche il fatto di concentrare il progetto in due strutture di riferimento. Ora quello che deve fare la Regione è pensare all'accoglienza e alla logistica delle famiglie. Aiutarle nel momento di difficoltà a non sentirsi sole".

Nadia Toffa delle Iene ha voluto rivelare pubblicamente di aver avuto un cancro e ha voluto chiamarlo per nome perché così il nemico è già più debole e può essere sconfitto, perché la vita é vita e continua ad essere tale anche dopo il cancro. Ed allora se è vita, va vissuta in ogni istante - così commenta Elisabetta Iannelli - ma se chi si ammala di cancro prova vergogna, allora rinuncia già un po' a vivere.

Le riflessioni di Elisabetta Iannelli, Vice Presidente Aimac, sul coming out di Nadia Toffa pubblicate su Quotidiano Sanità il 13 febbraio 2018.

Leggi l'articolo completo

Elisabetta Iannelli, Vice Presidente AIMaC, interviene sull'importante tema dei diritti dei lavoratori malati di cancro in un'intervista rilasciata al Corriere della Sera e pubblicata sul quotidiano il 18 Febbraio.

Sette centri europei per lo studio e la cura del cancro si sono alleati per formare il Cancer Core Europe (CCE), un'associazione finalizzata a condurre ricerche innovative per portare la cura del cancro in una nuova era, partendo da risultati precedentemente conseguiti da consorzi europei di maggiori dimensioni, come il progetto EurocanPlatform, finanziato dalla Commissione europea nell'ambito del VII Programma Quadro. A questo progetto avevano partecipato 27 istituzioni e organizzazioni europee, tra cui la European Cancer Patient Coalition (ECPC), di cui De Lorenzo è Presidente.

I membri di Cancer Core Europe (Cancer Research UK Cambridge Centre, Centro tedesco di ricerca sul cancro e Centro nazionale per le malattie del tumore, Gustave Roussy, Karolinska Institutet, Istituto dei Tumori dei Paesi Bassi, Istituto d'Oncologia Vall d'Hebron e da gennaio 2018 anche la Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori di Milano) si sono uniti per rimodellare il modello di ricerca sul cancro per aumentare la competitività dell'Unione europea come luogo per condurre ricerche all'avanguardia che sono tradotte in clinica per fornire una medicina più personalizzata.

Gli sforzi del CCE sembrano spianare la strada a un Istituto oncologico multi-nazionale per sviluppare nuovi trattamenti e diagnosi precoci per i pazienti e una prevenzione del cancro più efficace per i cittadini europei.

Il professor Francesco De Lorenzo, componente del Direttivo del Cancer Core Europe, che si riunirà domenica 11 febbraio, partecipare al 3a Riunione annuale del Cancer Core Europe del 13 febbraio 2018, a Parigi con una relazione sull’ “L'importanza delle organizzazioni dei pazienti nella guida dell'agenda di ricerca europea"

Scarica il programma

Leggi anche la notizia su Quotidiano Sanità

20 save the date web2

 

Il 18 gennaio 2018 dalle ore 10 presso la biblioteca del Senato, Giovanni Spadolini, Sala degli Atti parlamentari (Piazza della Minerva 38) si celebreranno i 20 anni di AIMaC.
In questa occasione esperti e rappresentati dell’associazione racconteranno e testimonieranno i 20 anni di informazione ascolto diritti e innovazione al servizio dei malati di cancro e dei loro familiari.

Scarica il programma 

L'intervista rilasciata da Marina Ripa di Meana il 18 dicembre 2017 in occasione del ventennale di AIMaC

Noi tutti di Aimac ricordiamo Marina con grande affetto e ammirazione. Siamo stati al suo fianco sin dall'inizio della sua esemplare battaglia contro il cancro e siamo diventati suoi amici.
Lei era una di noi.
Marina ha saputo dominare il cancro, sdrammatizzando, anche quando recentemente, quasi sfigurata da un'allergia, si è mostrata in tv con dignità e naturale semplicità.

Durante il lungo percorso della malattia, ha fieramente piegato il cancro alla propria volontà, impedendo al male di condizionarla. Ha continuato a vivere a modo suo: dalle mondanità al lavoro, dai viaggi alla scrittura, fino alle numerosissime apparizioni televisive.

Marina ha intrapreso, con successo, meritorie battaglie ambientaliste ed animaliste, ma l'ingaggio decisivo l'ha sostenuto contro il cancro, dimostrando che si può convivere con il tumore, come con le altre malattie croniche, senza rinunciare ai propri modelli esistenziali.
Ha ceduto solo nelle ultime 48 ore, quando ha deciso di andare serenamente incontro alla morte.

Marina ha consegnato alle Associazioni dei malati di cancro, e non solo, un'esemplare testimonianza di come si possa superare lo stigma del cancro uguale morte e la concezione ormai obsoleta di " male oscuro", "brutto male", "male inguaribile". Marina è l'emblema dell'umano cammino verso la vittoria contro le neoplasie.

Il grande esempio di Marina impone ora una svolta epocale, affinché le oltre 3 milioni e trecentomila persone che oggi vivono in Italia dopo una diagnosi di cancro non vengano più discriminate e possano condurre una vita normale, a partire dal diritto al lavoro.
Marina sara' con noi e la nostra battaglia continua!

Un convegno organizzato dall’Economist a Londra nel novembre 2017

Il Prof. De Lorenzo, presidente FAVO, è stato chiamato a partecipare al convegno "The War on Cancer - A patient's journey" che si terrà a Londra il prossimo 21 novebre a Londra. De Lorenzo interverrà alla conferenza, organizzata dal prestigioso settimanale The Economist, come raprresentante dei malati europei in qualità di presidente dell'ECPC - European Cancer Patient Coalition.

Il 18 settembre presso l'Istituto Superiore di Sanità, Viale Regina Elena, 299 Auditorium Pocchiari, si terrà un evento internazionale per la lotta contro il cancro del colon-retto: Workshop Colomed 2017.

Logo snc

Sono online le graduatorie provvisorie dei progetti di servizio civile gestiti da AIMaC - Bando Ordinario 2017: Informacancro Nord, Informacancro Centro, Informacancro Sud.
Le graduatorie diventano definitive solo dopo l’approvazione del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Vi ricordiamo che i candidati idonei non selezionati, cioè coloro che pur avendo superato le selezioni si collocano in graduatoria in una posizione successiva al numero di posti disponibili, potrebbero essere contattati tramite e-mail per subentrare in posti vacanti dello stesso progetto o di altri progetti gestiti da FAVO. Nell’individuazione dei volontari subentranti, FAVO terrà conto dei seguenti criteri in ordine di priorità: posizione in graduatoria, area e settore di impiego, contiguità territoriale delle sedi di attuazione del progetto.

Non è ancora possibile indicare la data di partenza dei progetti, ma vi consigliamo di rimanere in contatto con le sedi servizio e di consultare periodicamente il sito e la posta elettronica per essere aggiornati

Per accedere alle graduatorie consulta questa pagina.

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2015. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.

 

Aiutaci ad aiutare!

 

AIMAC tree

I servizi messi a disposizione da AIMaC per i malati di cancro sono completamente gratuiti, ma molto onerosi per l'Associazione. Se ogni visitatore del sito facesse anche solo una piccola donazione, la nostra raccolta fondi terminerebbe in pochi giorni permettendoci di continuare a sostenere i malati e i loro familiari lungo il percorso della malattia. 

Dona ora!