aimac logo

Notizie

AIMAC E FONDAZIONE IBM ITALIA PRESENTANO “FILOS”, IL PRIMO ASSISTENTE VIRTUALE AMICO DEI MALATI DI CANCRO, SEMPRE ONLINE PER DARE RISPOSTE SU DIRITTI E TUTELE

Iannelli (Aimac): “Malati e caregiver oncologici vogliono sapere come difendere i propri diritti anche sul lavoro. L’intelligenza artificiale di Filos potenzia l’informazione per tornare alla vita dopo il cancro

Presentata anche l’edizione aggiornata de: “I diritti del malato di cancro”

Roma, 13 novembre 2018 - E’ stato presentato oggi al Senato, alla presenza della Senatrice Maria Rizzotti (Commissione Igiene e Sanità), “Filos” il primo chatbot per informare sui diritti dei malati oncologici, disponibile gratuitamente sul sito www.aimac.it, grazie alla collaborazione con Fondazione IBM Italia.

L’intelligenza artificiale rappresenta una grande opportunità per assicurare ai pazienti la fruizione in tempo reale di risposte qualificate, in modalità interattiva, amplificando il know how di Aimac, relativamente alle informazioni sulla “disabilità oncologica” e agli strumenti giuridici di welfare assistenziale, previdenziale e lavorativo che consentono al malato ed ai caregiver oncologici di conciliare i tempi di cura e di assistenza con quelli di lavoro e di accedere ai benefici economici e giuridici previsti dalle norme. 

"Ho un tumore, come posso fare per ottenere il riconoscimento dell’invalidità o del handicap?”. “Mio padre è in terapia per una neoplasia prostatica, come posso fare per assentarmi dal lavoro quando lo devo accompagnare a fare la chemio?”. “Ho iniziato le cure perché ho un cancro al seno, vorrei continuare a lavorare ma, per ora, non ho le forze per andare tutti i giorni in ufficio, ho diritto al part-time? Posso chiedere di lavorare da casa?”. Sono alcune delle domande più comuni che angosciano gli oltre tre milioni di persone cui è stato diagnosticato un cancro, senza contare i familiari che li assistono quotidianamente e che devono riuscire a conciliare i tempi di cura o di assistenza con i tempi di lavoro.

Aimac e Fondazione IBM Italia hanno realizzato un nuovo servizio gratuito e operativo H24 che fornisce risposte qualificate e personalizzate grazie all’utilizzo delle tecnologie di intelligenza artificiale applicato al tema dei “Diritti del malato di cancro”, oggetto dell’omonimo libretto di Aimac che per l’occasione è stato totalmente aggiornato con le più recenti novità normative con la supervisione del Coordinamento Generale Medico Legale dell’INPS.

“Aimac, attraverso il Servizio nazionale di accoglienza e Informazione in Oncologia (SION) riconosciuto dal Piano Oncologico Nazionale, pratica da 20 anni la <<terapia Informativa>> basata sul principio generalmente riconosciuto che l’informazione per i malati di cancro è la Prima Medicina. Il Volontariato Oncologico, da sempre al servizio dei malati di cancro, ha anticipato le istituzioni pubbliche e private nell’assicurare l’assistenza domiciliare, le cure palliative, la terapia del dolore e la riabilitazione per stomizzati, laringectomizzati, e donne con linfedema del braccio conseguente ad intervento chirurgico al seno. Aimac, in linea con questa tradizione, ricorre all’intelligenza artificiale per assicurarne H24 l’informazione per accedere al riconoscimento dei diritti e benefici previsti dalle leggi dello Stato. Presto l’intelligenza artificiale sarà applicata anche alla informazione H24 su nutrizione, cancro della mammella e del colon”, dichiara il Prof. De Lorenzo (Presidente Aimac), nell’annunciare l’avvio del chatbot, realizzato in collaborazione con Fondazione IBM Italia, in grado di dare informazioni e risposte agli utenti in tempo reale, 7 giorni su 7, proprio come se stessero interpellando un operatore umano, attingendo dal patrimonio di informazioni dell’associazione”.

"Attraverso il programma IBM Impact Grant la Fondazione IBM Italia affianca importanti Organizzazioni non Profit per rendere più efficace la loro azione. Le soluzioni realizzate prevedono la donazione di servizi e software selezionati e sono messe a punto sulla base delle esigenze di chi ne beneficia", dichiara Angelo Failla, Direttore della Fondazione IBM Italia. "Siamo fiduciosi che la soluzione messa a punto per AIMAC contribuirà a migliorare ancora di più il sostegno che questa organizzazione offre a tutti coloro che vogliono essere informati sui diritti dei malati".

 “In Italia un malato di cancro su 3 è un lavoratore, e sono ben 4 milioni i caregiver oncologici cioè coloro che si occupano del sostegno de pazienti, in particolare familiari. Per tutte queste persone, Aimac ha condotto, in oltre 20 anni di attività. vere e proprie battaglie di civiltà per il riconoscimento di diritti fondamentali per tutelare la disabilità oncologica e difendere il posto di lavoro – afferma l’Avv. Elisabetta Iannelli (V. Presidente Aimac), che prosegue - la tecnologia messa al servizio del volontariato può aiutare i pazienti a riconquistare la propria quotidianità e ad esercitare i propri diritti. Filos è un esempio virtuoso di come un assistente virtuale, che si avvale dell’intelligenza artificiale per rispondere ai quesiti che gli vengono posti,  sia un vero e proprio alleato al fianco delle persone malate e di chi si prende cura di loro.”

Affinché le leggi non rimangano inattuate, è  necessario che siano innanzitutto i malati a conoscere i diritti riconosciuti e garantiti a livello nazionale e locale. Per questo Aimac ha pubblicato nel 2003 il libretto ‘I diritti del malato di cancro’, con cui per la prima volta nel nostro Paese si è posta attenzione alle ricadute sociali e lavorative della malattia oncologica colmando il gap informativo esistente. Fin dalla sua prima edizione, il libretto è diventato un punto di riferimento non solo per i malati, ma anche per tutti coloro che, a vario titolo, se ne prendono cura. Nel tempo, il testo è stato arricchito, integrato e aggiornato ogni anno fino ad arrivare, nel 2018, alla tredicesima edizione, grazie alla collaborazione con l’INPS e con altre Istituzioni pubbliche e private. “Questa nuova edizione, completamente aggiornata, - dichiara Iannelli - ha inteso far conoscere, in particolare, le innovazioni introdotte dalle norme sul lavoro agile (smart working), da quelle previste dal c.d. Jobs Act degli autonomi e da quelle sulle ferie e riposi “solidali”.”

“L’informazione sui diritti dei pazienti costituisce un obiettivo fondamentale su cui l’INPS si è costantemente impegnato. Abbiamo trovato in Aimac il veicolo più sensibile e motivato non solo come strumento ma soprattutto come soggetto in grado di migliorare l’attuazione delle nostre competenze”, così il Prof. Massimo Piccioni Coordinatore Generale Medico Legale dell’INPS esprime il plauso per l’iniziativa. 

“Filos – dichiara la Dott.ssa Laura Del Campo Direttore di Aimac - è uno strumento innovativo che va ad arricchire il Sistema multimediale di Aimac che dal 1997 risponde al bisogno di sapere di pazienti e familiari a seconda delle loro preferenze e necessità: libretti informativi su principali tipi di cancro e relativi trattamenti, effetti collaterali di questi e modo migliore per convivere con la malattia, un servizio di helpline nazionale, coordinato dalla Dott.ssa Dina Pero, che risponde ai quesiti riguardanti la malattia, i trattamenti e i loro effetti collaterali, l’accesso ai benefici previsti dalle leggi in campo lavorativo, previdenziale e assistenziale, 45 punti di accoglienza e di informazione presso i maggiori centri di studio e cura dei tumori italiani; i siti www.aimac.it e www.oncoguida.it, per sapere a chi rivolgersi per diagnosi, trattamenti terapeutici, sostegno psicologico, riabilitazione e assistenza, terapie del dolore e per far valere i propri diritti e un Forum, un luogo virtuale in cui chi affronta il cancro può condividere la propria esperienza e confrontarsi.”

Accedi a Filos

Filos 01Aimac e Fondazione IBM Italia presentano “Filos”, l’assistente virtuale al servizio dei malati di cancro H24. 

L’intelligenza aumentata rappresenta una grande opportunità per assicurare ai pazienti la fruizione in tempo reale di risposte qualificate, in modalità interattiva, amplificando il know how di Aimac, relativamente alle informazioni sulla “disabilità oncologica” e gli strumenti giuridici di welfare assistenziale, previdenziale e lavorativo che consentono al malato ed ai caregiver oncologici di conciliare i tempi di cura e di assistenza con quelli di lavoro e di accedere ai benefici economici e giuridici previsti dalle norme. 

Aimac con la Fondazione IBM Italia ha realizzato un nuovo servizio H24 di risposte qualificate e personalizzate grazie all’utilizzo del cognitive computing applicato al tema dei “Diritti del malato di cancro” oggetto dell’omonimo libretto di Aimac che per l’occasione è stato totalmente aggiornato con le più recenti novità normative con la supervisione del Coordinamento Generale Medico Legale dell’INPS

Filos è stato presentato Martedì 13 novembre 2018 presso la Sala Caduti di Nassirya - Palazzo Madama a Roma, su iniziativa della senatrice Maria Rizzotti e Aimac.

L'incontro è stato moderato da Livia Parisi (collaboratrice ANSA) e sono intervenuti Maria Rizzotti (Igiene e Sanità- Senato), Francesco De Lorenzo (Aimac), Angelo Failla (Fondazione IBM Italia), Elisabetta Iannelli (Aimac), Massimo Piccioni (INPS).

Leggi il comunicato stampa

Si terranno a Napoli il 19 novembre 2018 presso l'Hotel Royal Continental e a Milano il 4 dicembre 2018 presso il Centro Congressi Humanitas i Corsi di formazione per la preservazione della fertilità nei pazienti oncologici organizzati da Istituto Superiore Di Sanità e Registro Nazionale della PMA in collaborazione con A.O.U. Federico II di Napoli, Chirurgia Ostetrica e Ginecologica Laparotomica ed Endoscopica e il Centro di sterilità ed Infertilità di Coppia.

Obbiettivo dei corsi è "Coordinare l’azione dei medici che operano in campo oncologico con gli esperti della medicina riproduttiva e con gli psicologi per poter offrire una cura efficiente e completa ai pazienti oncologici in età pre-fertile e fertile."

Napoli 19 novembre 2018
Scarica il programma
Scarica la domanda di adesione

Milano 4 dicembre 2018
Scarica il programma
Scarica la domanda di adesione

Il Presidente Francesco de Lorenzo interverrà alla 2 ° edizione della Conferenza Gago: "Scienza, società e politica verso un'Europa della conoscenza: il ruolo dell'impegno scientifico in Horizon Europe".

Il Prof. de Lorenzo parteciperà alla tavola rotonda: "Cittadinanza attiva per una società più sana: lezioni apprese associate alla necessità di una impegno comune sul cancro in Europa".

Le Conferenze Gago intendono rafforzare il dibattito sulle questioni emergenti della ricerca e dell'innovazione in Europa, nonché promuovere il necessario coinvolgimento dei principali stakeholder nell'elaborazione delle politiche e nella diffusione della conoscenza della cultura scientifica . Le Conferenze mirano anche a rafforzare la rete internazionale di cooperazione scientifica e tecnologica in Europa per ottenere un impatto positivo su scala globale.

La commissione Envi del Parlamento europeo, lo scorso 13 settembre, ha approvato emendamenti presentati da Elisabetta Gardini e Alberto Cirioche, che modificano il regolamento 726/2004 chiedendo un'ulteriore integrazione dei sistemi Hta in Europa. Centrale il ruolo della Coalizione Europea dei Pazienti Oncologici (ECPC) nell'approvazione della regulation sull'Hta da parte del Parlamento europeo di Strasburgo. Francesco de Lorenzo, presidente ECPC, dichiara: "Si potrà così superare le disparità, ridurre gli ostacoli all'accesso a trattamenti innovativi, riconoscere il vero valore delle nuove terapie e migliorare la sostenibilità dei sistemi sanitari".

Leggi la notizia su Quotidiano Sanità

IMG 20180904 125004Il 7 settembre Elisabetta Iannelli (Vice Presidente Aimac) sarà tra gli invitati al "Tempo delle Donne", mega evento del Corriere della Sera - la 27esima ora - per riflettere su un tema non facile e molto delicato: "La felicità dopo un trauma".

VENERDÌ 07 ORE 17:00 - AGORÀ
QUI NON ARRIVANO GLI ANGELI
Dopo un trauma niente è più come prima?
Il ritratto della salute

Inizio teatrale con Chiara Stoppa, attrice
Incontro concerto con Lorenzo Baglioni, attore comico e cantante
Video intervista con Iacopo Melio, scrittore
Conversazione con Elisabetta Iannelli, avvocata e vicepresidente di Aimac Associazione Italiana Malati di Cancro Alessandro Milan, giornalista e scrittore, Sultana Razon Veronesi, medico e scrittrice
In video Alex Zanardi, pilota automobilistico e paraciclista
A cura di Vera Martinella e Silvia Turin

INGRESSO GRATUITO FINO AD ESAURIMENTO POSTI

Logo snc

E’ stato pubblicato sul sito del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale il nuovo “Bando per la selezione di n. 28.967 volontari da impiegare in progetti di servizio civile universale in Italia e all’estero” rivolto a giovani di età compresa tra i 18 e i 28 anni compiuti, pubblicato in data 20 agosto 2018 (per informazioni esaustive sui requisiti necessari per l’ammissione, è possibile consultare il Bando Nazionale 2018)

Nell’ambito del Bando, AIMaC, in partenariato con FAVO, recluta 148 volontari in 3 progetti nazionali:

  • Informacancro Nord 2018-2019;
  • Informacancro Centro 2018-2019;
  • Informacancro Sud 2018-2019.

I progetti si prefiggono di migliorare la conoscenza e consapevolezza della dimensione familiare, sociale e sanitaria del cancro da parte dei giovani italiani, superando l'isolamento e la discriminazione dei malati oncologici vittime dello stigma negativo del cancro come malattia inguaribile e incurabile sia in ambiente sociale che lavorativo, con la creazione di un'adeguata formazione civica, sociale, culturale e professionale dei volontari in merito alle esigenze di informazioni mirate e accoglienza dei malati di cancro e delle loro famiglie.

Il linfedema è una complicanza a lungo termine molto frequente nei malati di melanoma e di altre forme neoplastiche a seguito di interventi chirurgici al basso ventre e agli arti superiori ed inferiori. Nel corso di tali interventi, infatti, vengono frequentemente rimossi i linfonodi con conseguente alterazione della circolazione della linfa.

FAVO da tempo è impegnata nel riconoscimento del ruolo - ad oggi trascurato - del caregiver oncologico. La rilevanza di questo ruolo per la sostenibilità dei sistemi di welfare, così come lo stato dell’arte della normativa italiana ed europea, sono infatti documentati anche nel X Rapporto sulla condizione assistenziale dei malati oncologici, pubblicato lo scorso maggio. 

Attualmente, l’attenzione è focalizzata esclusivamente sul caregiver di persone con grave disabilità. La legge di stabilità prevede infatti un fondo di 60 milioni per l’accesso dei caregiver ai benefici previsti dallo Stato.

Non sono invece previsti benefici per il caregiver oncologico.

L’obiettivo è duplice: ampliare nei malati e nei familiari lo spettro di conoscenza sui progetti di ricerca clinica di ACC e promuovere indagini conoscitive per individuare i nuovi specifici bisogni

ROMA, 23 luglio 2018 – Un importante accordo di collaborazione scientifica finalizzato a individuare i nuovi bisogni dei malati di tumore sia dal punto di vista terapeutico sia di miglioramento della qualità della vita – e di conoscenza dell’impatto delle nuove terapie –, è stato sottoscritto tra Alleanza Contro il Cancro, la più grande rete di ricerca oncologica italiana e Aimac, l’Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici.

L’obiettivo è duplice: ampliare nei malati e nei familiari lo spettro di conoscenza sui progetti di ricerca clinica di ACC – la cui mission è portare al letto del paziente le innovazioni diagnostiche e le più avanzate procedure terapeutiche – e promuovere parallelamente indagini conoscitive rivolte a malati e caregiver per individuarne i nuovi, specifici bisogni. Creare quindi un anello di congiunzione conoscitiva ancor più qualificato ed aggiornato tra il mondo della ricerca e quello dei suoi primi beneficiari: i pazienti e le loro famiglie.

L’infrastruttura che darà azione all’accordo esiste già: si tratta del SION, il Servizio nazionale di accoglienza Informazione in Oncologia realizzato e gestito da Aimac, con la collaborazione di ACC. Esso si avvale di un Servizio di help line nazionale e di 45 punti di accoglienza e informazione collocati nei maggiori centri di studio e cura dei tumori, nei quali malati e famigliari vengono accolti da volontari di servizio civile adeguatamente formati e ricevono gratuitamente informazioni personalizzate, chiarimenti e materiale informativo sempre aggiornato sui vari tipi di tumore, sugli aspetti sociali legati alla malattia e sulla qualità di vita.

Altre informazioni sui servizi offerti dal sistema multimediale del Servizio nazionale di accoglienza Informazione in Oncologia sono disponibili (lun/ven 9.00-19-00) attraverso l’helpline nazionale. A rispondere saranno volontari di servizio civile, appositamente formati e coadiuvati da un oncologo clinico, uno psicoterapeuta e un legale.

Tale Accordo rappresenta una sinergia con potenziamento delle mission e delle progettualità delle due organizzazioni, in grado di assicurare nel tempo un effettivo engagement dei pazienti.

 

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2015. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.

 

Aiutaci ad aiutare!

 

AIMAC tree

I servizi messi a disposizione da AIMaC per i malati di cancro sono completamente gratuiti, ma molto onerosi per l'Associazione. Se ogni visitatore del sito facesse anche solo una piccola donazione, la nostra raccolta fondi terminerebbe in pochi giorni permettendoci di continuare a sostenere i malati e i loro familiari lungo il percorso della malattia. 

Dona ora!

logo Filos  

Hai bisogno di informazioni sui diritti del malato?

Filos, l'assistente virtuale è qui per te!