aimac logo

Ulteriori esami per i tumori cerebrali

Oltre alla biopsia e alla TC/RMN si possono eseguire altri accertamenti.

Tomografia ad emissione di positroni (PET): tecnica radiologica che consente di individuare il tumore quando è ancora in fase iniziale e di valutarne la dimensione e la localizzazione. L’esame si basa sulla somministrazione in vena un composto contenente glucosio marcato radioattivamente, che si distribuisce in tal modo in tutto il corpo. La scansione si esegue dopo circa un paio d’ore. L’esame non comporta disagi particolari e necessita delle stesse precauzioni indicate per la RMN.

Angiografia cerebrale: tecnica che consente di visualizzare i vasi sanguigni del cervello e di evidenziare se il tumore è localizzato in prossimità di una struttura vascolare, un’informazione molto importante per il neurochirurgo. L’angiografia si esegue in anestesia locale: il medico introduce delicatamente nell’arteria femorale, a livello dell’inguine, un catetere sottile fino a posizionarlo correttamente; quindi inietta un colorante vitale per visualizzare meglio i vasi sanguigni. Mentre questa sostanza si diffonde, la macchina esegue una serie di radiografie. Potrebbe essere necessario trascorrere la notte in ospedale.

Radiografia del torace:
si esegue generalmente di routine per controllare lo stato dei polmoni ed escludere un tumore primitivo in questa sede, come anche in prospettiva di un’anestesia generale per l’intervento.

Elettroencefalogramma (EEG)
: è il tracciato dell’attività elettrica del cervello. Prima dell’esame si applicano sulla testa, con un gel speciale, una serie elettrodi collegati ad un apparecchio che registra gli impulsi nervosi e li stampa su carta. La procedura richiede circa un’ora, è sicura e indolore. Non è necessario tagliare i capelli.

Puntura lombare: si esegue per prelevare un campione di liquido cerebrospinale contenuto nel canale midollare della colonna vertebrale. La procedura è abbastanza semplice: dopo aver eseguito un’anestesia locale, il medico introduce un ago tra due vertebre lombari (più o meno all’altezza dei reni) e preleva  una piccola quantità del liquido cerebrospinale, che invia quindi in laboratorio per valutare se vi sono contenute cellule tumorali. Quest’esame si chiama anche chiama rachicentesi.

Informazioni aggiuntive

  • Scarica il libretto in pdf:

    PdfButton

Letto 8492 volte Ultima modifica il Lunedì, 20 Giugno 2016

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2019. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.