aimac logo

Le terapie concomitanti

Cortisonici

Spesso nei tumori cerebrali si rende necessario somministrare farmaci a base di cortisone, per periodi più o meno brevi, allo scopo di ridurre l’edema, ossia la quantità di liquido che circonda il tumore e che comprime i fasci nervosi. Il cortisone contribuisce a ridurre l’edema, migliorando spesso sensibilmente i sintomi che questo causa.

I farmaci cortisonici si possono somministrare per bocca, per via intramuscolare o endovenosa, in genere una volta al giorno, al mattino, ma se necessario anche due o più volte al giorno, ogni 12 ore. Gli effetti collaterali del trattamento possono essere ritenzione di liquidi (con lieve gonfiore del volto e degli arti inferiori), aumento della glicemia e insonnia; per limitarli o prevenirli, è bene ridurre il consumo di sale e zucchero e svolgere un’attività fisica moderata. In caso di necessità, si possono assumere farmaci in grado di facilitare il sonno. Il trattamento prolungato con cortisonici può ridurre le difese immunitarie con conseguente possibilità di infezioni quali, ad esempio, la stomatite da Candida albicans o mughetto a carico del cavo orale. Inoltre, può favorire l’osteoporosi e un’accentuata pesantezza agli arti inferiori con riduzione della massa muscolare. Per prevenire l’osteoporosi si possono assumere farmaci che favoriscono la fissazione del calcio a livello osseo; in generale, è importante mantenere una buona attività fisica.

Il trattamento prolungato con i cortisonici può indurre anche miopatia, che si manifesta con una diminuzione della forza muscolare, specialmente a livello del quadricipite femorale. I pazienti riferiscono spesso di affaticarsi più rapidamente durante le attività che comportano l’esecuzione di scatti di potenza improvvisi. Spesso la perdita di massa muscolare è evidente, ed è importante ricordare che l’esercizio fisico è utile a limitarne l’entità.

Tutti gli effetti collaterali tendono a regredire gradualmente via via che la dose di cortisone si riduce. La terapia non deve mai essere interrotta bruscamente, ma sempre secondo le indicazioni del medico.

 

Anticoagulanti

Nei tumori cerebrali si rende a volte necessario attuare un trattamento che prevenga le trombosi a livello delle vene degli arti inferiori. Il rischio è più elevato nei pazienti con importante difficoltà di movimento di uno o entrambi gli arti inferiori nel periodo prossimo all’intervento chirurgico e durante la chemioterapia. La prevenzione si effettua facendo uso di calze elastiche e con la somministrazione (una volta al giorno) di farmaci anticoagulanti, in forma di iniezioni sottocutanee. Queste sono semplici da eseguire e si possono fare da soli o con l’aiuto di un parente. Gli anticoagulanti si utilizzano anche per il trattamento della trombosi venosa, che si manifesta generalmente con gonfiore, dolore e arrossamento della gamba interessata. Sono rari i casi di trombosi venose a carico delle braccia, che possono presentarsi nella sede di cateteri venosi posizionati per somministrare i farmaci.

La formazione di trombi può essere talvolta all’origine di un’embolia polmonare, complicanza grave che si manifesta in genere con difficoltà di respiro, affaticamento per sforzi anche minimi, aumento della frequenza dei battiti cardiaci.
Se si accusano questi sintomi, bisogna recarsi immediatamente al pronto soccorso.

Dopo una trombosi o un’embolia polmonare, il trattamento con gli anticoagulanti prosegue per il tempo che il medico curante ritiene necessario in relazione alle vostre condizioni. Se il periodo è molto lungo, è possibile ricorrere agli anticoagulanti orali, anche se a fronte di questo vantaggio vi è lo svantaggio di una maggiore frequenza dei controlli della coagulazione del sangue e la possibilità di interferenza con molti altri farmaci e con alcuni componenti della dieta.

Anticonvulsivanti

Questi farmaci potrebbero essere necessari in presenza di crisi epilettiche all’esordio o nel corso della malattia. Devono essere presi tutti i giorni, anche in assenza di crisi epilettiche; per l’efficacia del trattamento è, infatti, fondamentale che vi sia un livello costante di farmaco nell’organismo. Questo è tenuto sotto controllo mediante esami del sangue specifici. Alcuni anticonvulsivanti, se assunti mentre si effettuano la radioterapia o la chemioterapia, possono dare un’importante reazione allergica cutanea, anche se ciò avviene raramente. In tal caso è indispensabile informare subito il medico curante per ricevere le opportune indicazioni su come sospendere il farmaco e modificare la terapia.

Informazioni aggiuntive

  • Scarica il libretto in pdf:

    PdfButton

Letto 55157 volte Ultima modifica il Martedì, 21 Giugno 2016

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2019. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.