aimac logo

La chirurgia per i tumori cerebrali

La chirurgia rappresenta uno dei capisaldi del trattamento dei tumori cerebrali di qualunque tipo, ma non è sempre praticabile, in quanto dipende dalla localizzazione della lesione e dai rapporti di questa con le strutture funzionalmente più importanti del sistema nervoso. L’intervento che richiede l’apertura della scatola cranica si chiama craniotomia e si esegue, per lo più, in anestesia generale, tranne in casi strettamente selezionati (ad esempio, qualora il neurochirurgo ritenga opportuno monitorare la funzione ‘linguaggio’ durante l’esecuzione della procedura, può eseguire l’intervento, o almeno la sua parte centrale, in anestesia locale, con il paziente sveglio).

L’obiettivo della chirurgia è asportare il maggior volume tumorale possibile allo scopo di stabilire la diagnosi esatta attraverso lo studio al microscopio del tessuto rimosso, alleviare i sintomi, migliorare la qualità della vita e, in alcuni casi, aprire una via d’accesso ad altri trattamenti (ad esempio, l’inserimento nella cavità risultante dopo l’asportazione del tumore di sostanze radioattive e/o farmaci chemioterapici).

Il neurochirurgo esegue l’intervento con l’ausilio di strumenti molto sofisticati di microchirurgia e utilizzando sempre un microscopio operatore e sistemi di neuronavigazione che, attraverso il supporto di immagini TC e RMN, lo guidano secondo principi molto simili a quelli applicati dai navigatori delle nostre automobili. Grazie a questa sofisticata strumentazione il neurochirurgo è in grado di localizzare le strutture cerebrali con precisione millimetrica, sia nella fase di programmazione sia durante l’esecuzione dell’intervento.

Per quanto riguarda la procedura, il neurochirurgo, dopo aver inciso il cuoio capelluto e aver aperto una sorta di finestrella nel cranio, rimuove il tumore attraverso un paziente lavoro di progressivo isolamento e asportazione della lesione. Quindi chiude la finestrella riposizionando al suo posto il tessuto osseo e bloccandolo con placchette metalliche o fili di sutura. Le moderne tecniche chirurgiche non prevedono più la rasatura totale dei capelli, ma solo di una striscia in corrispondenza dell’incisione. Ciò assicura un effetto estetico sicuramente più gradevole e, di conseguenza, accresce la soddisfazione da parte del paziente.

In talune situazioni potrebbe essere troppo difficile e/o pericoloso rimuovere anche una piccola parte del tumore. In questo caso il neurochirurgo valuterà insieme al neurologo e al radioterapista la possibilità di effettuare altri trattamenti non chirurgici che potrebbero essere più indicati.

Dopo l’intervento

Il periodo di degenza in ospedale dipende dalla complessità dell’intervento e dall’eventuale trattamento postoperatorio. Nelle prime dodici ore dopo l’intervento sarete tenuti sotto rigorosa sorveglianza e monitorati, in taluni casi, in un’unità di terapia intensiva. In questo periodo potreste anche essere collegati ad un ventilatore. È probabile che, oltre al bendaggio, alla ferita sia applicato un tubicino di drenaggio, che ha la funzione di convogliare all’esterno, in una sacca di raccolta, il sangue che può continuare a defluire dai vasi prossimi all’area dell’intervento. Il drenaggio normalmente è rimosso dopo uno o due giorni. In taluni casi, il volto e gli occhi potrebbero apparire gonfi e violacei, come se fossero interessati da un ematoma. Il gonfiore normalmente regredisce entro 48-72 ore e l’ematoma si riassorbe in pochi giorni.

Sarete incoraggiati ad alzarvi e a camminare quanto prima possibile dopo l’intervento. Nei primi giorni potreste accusare dolore o fastidio intorno alla ferita, che potrebbero persistere per qualche settimana. Ciò non deve spaventarvi, perché sono disponibili dei farmaci molto efficaci per alleviare il dolore, gli analgesici, che i medici non esiteranno a somministrarvi.

Prima delle dimissioni si fissa l’appuntamento per il controllo postoperatorio da effettuarsi presso l’ambulatorio. In tale occasione i medici comunicano generalmente il risultato dell’esame istologico eseguito sul tessuto asportato durante l’intervento e, di conseguenza, la necessità o meno di procedere ad ulteriori trattamenti. È questo il momento giusto per discutere di tutti gli eventuali problemi insorti dopo l’intervento, delle terapie cui dovrete essere sottoposti e delle loro eventuali complicanze.

Una volta a casa, riguardatevi per un po’ di tempo. Riposate molto per recuperare le energie fisiche e anche psicologiche, e seguite una dieta ben bilanciata. In questo periodo è bene non portare né sollevare pesi, e non guidare per il tempo necessario alla ripresa.

Informazioni aggiuntive

Letto 47629 volte Ultima modifica il Lunedì, 24 Novembre 2014

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2015. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.

 

Aiutaci ad aiutare!

 

AIMAC tree

I servizi messi a disposizione da AIMaC per i malati di cancro sono completamente gratuiti, ma molto onerosi per l'Associazione. Se ogni visitatore del sito facesse anche solo una piccola donazione, la nostra raccolta fondi terminerebbe in pochi giorni permettendoci di continuare a sostenere i malati e i loro familiari lungo il percorso della malattia. 

Dona ora!