aimac

L'ormonoterapia per il cancro della mammella

L’ormonoterapia, o terapia ormonale, consiste nella somministrazione di farmaci che bloccano l’attività degli ormoni estrogeni, ritenuti coinvolti nell’insorgenza e nello sviluppo di almeno un terzo dei tumori mammari.

I meccanismi d’azione della terapia ormonale sono sostanzialmente due: impedire alla cellula tumorale di utilizzare gli estrogeni prodotti o inibire la produzione degli estrogeni. La possibilità di essere sottoposte alla terapia ormonale dipende dalla presenza di recettori estrogenici e/o progestinici sulle cellule tumorali, dalla presenza o meno di controindicazioni al trattamento e/o di altre patologie associate. La terapia ormonale si può attuare in sequenza dopo la chemioterapia oppure da sola nei casi in cui rappresenti il trattamento più indicato.

I farmaci ormonali sono somministrati tipicamente per via orale in compresse e in alcuni casi per via intramuscolare. La durata del trattamento varia in relazione alla sua finalità e alla fase di malattia:

  • malattia in fase iniziale: 5 anni (in casi selezionati fino a 10 anni) se la finalità è precauzionale o adiuvante. È possibile utilizzare il medesimo farmaco per 5 anni o una sequenza di due farmaci differenti. Generalmente l’ormonoterapia adiuvante da sola, ossia senza chemioterapia precedente, si considera per quelle pazienti che presentano una malattia iniziale con modesti fattori di rischio (ad esempio, assenza di interessamento dei linfonodi ascellari, caratteristiche biologiche di bassa aggressività); 
  • malattia in fase metastatica: la durata della terapia dipende dalla  risposta al trattamento.

A seconda del meccanismo di azione i farmaci ormonali si distinguono in antiestrogeni (impediscono alle cellule tumorali di utilizzare gli estrogeni prodotti dall’organismo, inibendo così la loro crescita), inibitori dell’aromatasi (bloccano la produzione degli estrogeni), analoghi dell’LH-RH (detti anche down-regulator ipofisari;  inducono la menopausa farmacologica attraverso il blocco degli ormoni ipofisari che stimolano la sintesi degli estrogeni).

L’antiestrogeno più utilizzato è il tamoxifene, impiegato nel trattamento adiuvante e anche nella fase metastatica di malattia. È somministrato per via orale sotto forma di compressa. Un altro antiestrogeno, il fulvestrant, trova indicazione nella fase avanzata di malattia, e si somministra con iniezioni mensili per via intramuscolare.

Generalmente nelle donne in stato premenopausale la terapia ormonale di scelta è il tamoxifene associato ad analoghi dell'LH-RH.
Gli inibitori dell’aromatasi più comunemente usati sono anastrozolo, letrozolo e exemestano. Si somministrano per via orale e si prescrivono soltanto alle pazienti in stato postmenopausale. Studi recenti hanno peraltro supportato l’indicazione alla somministrazione degli inibitori dell’aromatasi anche in donne in premenopausa, in combinazione con analoghi dell’LH-RH.

Gli analoghi dell’LH-RH in combinazione con il tamoxifene rappresentano il trattamento ormonale standard per le donne in età premenopausale , perché il ‘blocco estrogenico’ che inducono potenzia l’efficacia del tamoxifene. Gli analoghi dell’LH-RH più utilizzati sono leuprorelin, goserelin e triptorelin. Si somministrano per via intramuscolare o sottocutanea a cadenza mensile o trimestrale.

Effetti collaterali

Gli effetti collaterali della terapia ormonale sono in genere lievi lievi (ma in alcuni casi possono presentarsi con intensità maggiore, soprattutto nei primi mesi di terapia) e sono rappresentati da  vampate di calore e/o sudore o ritenzione idrica); alterazioni e/o sospensione della regolarità dei cicli mestruali, secchezza vaginale o perdite vaginali, dolore nei rapporti sessuali, iperplasia della mucosa uterina, cisti ovariche, polipi uterini); variazioni di peso (aumento o diminuzione); osteoporosi; nausea; dolori ossei articolari o muscolari, crampi muscolari; cefalea, stanchezza, depressione, insonnia; alterazioni dei valori delle transaminasi (funzionalità epatica), del colesterolo e dei trigliceridi; reazioni allergiche localizzate o generalizzate.

Raramente alcune terapie ormonali possono determinare disturbi della vista, tromboflebiti, trombosi profonde, episodi ischemici cerebrali e embolia polmonare, ipertensione arteriosa e ischemia miocardica, carcinoma dell’utero. La rarità di questi eventi è ampiamente bilanciata dal beneficio di tali terapie nel trattamento della malattia. 

Per approfondire

Maggiori informazioni su singoli tipi di ormonoterapia sono disponibili nelle Schede sui farmaci.

 

PdfButton

Letto 53212 volte Ultima modifica il Martedì, 05 Aprile 2016

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2015. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.

 

×

Aiutaci ad aiutare!

 

AIMAC tree

I servizi messi a disposizione da AIMaC per i malati di cancro sono completamente gratuiti, ma molto onerosi per l'Associazione. Se ogni visitatore del sito facesse anche solo una piccola donazione, la nostra raccolta fondi terminerebbe in pochi giorni permettendoci di continuare a sostenere i malati e i loro familiari lungo il percorso della malattia. 

Dona ora!