aimac logo

L'importanza dell'esame istologico

Dopo circa una settimana dall’intervento vi sarà consegnato il referto istologico, che riporta le caratteristiche più specifiche del tumore. Il referto istologico si compone in genere di 4 parti:

  • l’elenco del ‘materiale’ asportato e inviato al laboratorio;
  • la descrizione macroscopica, ossia a occhio nudo, del suddetto materiale;
  • le eventuali diagnosi estemporanee fatte nel momento dell’intervento chirurgico;
  • l’esame microscopico con le relative conclusioni.

Solitamente un buon esame istologico di carcinoma mammario dà informazioni su 8 parametri:

  • il tipo istologico (duttale, lobulare, ecc.);
  • le dimensioni del tumore;
  • lo stato dei linfonodi ascellari (positivi, nel caso in cui siano stati intaccati dalla malattia, negativi nel caso contrario);
  • il grado istologico (G1, 2, 3);
  • la presenza o meno di cellule tumorali nei capillari sanguigni che circondano il tumore (invasione vascolare);
  • la presenza o assenza, sulla superficie delle cellule tumorali, di recettori ormonali (estrogenici e progestinici), espressa in percentuale;
  • la percentuale di proliferazione, in pratica la velocità di crescita delle cellule tumorali, indicata con la sigla Ki67 o MIB-1 ed espressa in percentuale;
  • la positività o negatività di un test chiamato Her2 o c-erbB2, che caratterizza ulteriormente le cellule tumorali.

Si ottiene in questo modo un ‘identikit’ del tumore, e ciò è fondamentale per capire bene quali sono le caratteristiche della malattia e individuare il trattamento più adeguato.

Da questo punto di vista, le variabili sono tante: ad esempio, tumori poco aggressivi, che crescono lentamente, spesso con recettori ormonali fortemente espressi e quindi sensibili alle terapie ormonali; tumori più aggressivi, che crescono rapidamente, più frequentemente a recettori ormonali negativi o HER2-positivi

Informazioni aggiuntive

  • Scarica il libretto in pdf:

    PdfButton

Letto 136671 volte Ultima modifica il Giovedì, 28 Febbraio 2019

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2015. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.

 

logo Filos  

Hai bisogno di informazioni sui diritti del malato?

Filos, l'assistente virtuale è qui per te!

 

AIMAC tree

 

Grazie per aver scaricato il libretto!

I libretti di Aimac per i malati sono gratuiti, ma molto onerosi per l’Associazione che ne cura il costante aggiornamento, la grafica, la stampa e la distribuzione.

La sua lettura Ti è risultata utile?
Con una piccola donazione Aimac potrà continuare ad assicurare ascolto, informazione e sostegno psicologico ai malati e ai loro familiari nel faticoso percorso di cura.