aimac logo

La simmetria finale delle mammelle

Lo scopo della ricostruzione della mammella è di restituire alla paziente un seno dall’aspetto naturale, che abbia forma e volume quanto più vicino possibile a quelli della mammella sana.

Questo risultato purtroppo non è sempre possibile: la forma ottenuta è spesso più simile a quella di un seno giovane e non in tutti i casi si ha la normale ‘caduta’ legata alla storia naturale della mammella.

Per rimediare a questi difetti può essere necessario ritoccare il seno sano (soprattutto dopo la ricostruzione con espansore e protesi, meno frequentemente in caso di ricostruzione con lembi di tessuto proprio), tenendo presente che quest’intervento viene proposto alla paziente, ma non è obbligatorio accettarlo. Generalmente si esegue in un secondo tempo, ad esempio quando si rimuove l’espansore per introdurre la protesi definitiva.

Le tecniche più utilizzate sono:

  • la mastopessi
  • la mastoplastica riduttiva
  • la mastoplastica additiva

La mastopessi è praticamente il lifting del seno, vale a dire l’intervento in grado di sollevare e ridare tono a un seno cadente e molto rilassato (Fig. 9). È indicata nel caso di mammelle che appaiono ptosiche (rilassate) a seguito di gravidanza, allattamento o invecchiamento. La scelta della tecnica più idonea prende in considerazione alcuni fattori quali: l’ampiezza di cute da ridurre, l’elasticità della cute residua e l’entità del sollevamento da ottenere per conseguire la simmetria.

ricostruzione-8

La mastoplastica riduttiva consiste nel ridurre le dimensioni della mammella rimuovendo il tessuto mammario in eccesso. Oltre a ridurre il volume della mammella sana, il chirurgo provvede anche a sollevarla e a conferirle maggiore consistenza (Fig. 10 e 11). La tecnica più indicata per la paziente è discussa e decisa con il chirurgo durante la visita preliminare anche sulla base della tecnica ricostruttiva utilizzata. Il numero delle cicatrici varia in funzione dell’intervento.

ricostruzione-9

La mastoplastica additiva consiste nell’inserire nella regione mammaria una protesi in silicone allo scopo di aumentarne il volume (Fig. 12 e 13). Solitamente si effettua nel caso di ricostruzione con espansore e protesi e per mammelle di piccole dimensioni, al fine di evitare che il seno ricostruito subisca nel tempo modificazioni diverse da quello non operato (per rilassamento o a seguito di oscillazioni del peso). La scelta della misura della protesi viene discussa e decisa con il chirurgo durante la visita preliminare, prendendo attentamente in considerazione diversi fattori quali: le dimensioni del tessuto mammario/adiposo che deve coprire le protesi, l’elasticità della tasca cutanea che deve ospitare la protesi e la forma del torace per ottenere un risultato armonico.

ricostruzione-10

Informazioni aggiuntive

  • Scarica il libretto in pdf:

    PdfButton

Letto 4483 volte

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2015. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.

 

logo Filos  

Hai bisogno di informazioni sui diritti del malato?

Filos, l'assistente virtuale è qui per te!

 

AIMAC tree

 

Grazie per aver scaricato il libretto!

I libretti di Aimac per i malati sono gratuiti, ma molto onerosi per l’Associazione che ne cura il costante aggiornamento, la grafica, la stampa e la distribuzione.

La sua lettura Ti è risultata utile?
Con una piccola donazione Aimac potrà continuare ad assicurare ascolto, informazione e sostegno psicologico ai malati e ai loro familiari nel faticoso percorso di cura.