aimac logo

Programmi o strategie sola osservazione per il cancro della prostata

Per sola osservazione s‘intende la possibilità di attuare un monitoraggio clinico attraverso  controlli ed esami senza effettuare un trattamento. Immediato. Per il tumore della prostata le strategie osservazionali sono:

  • sorveglianza attiva: è un approccio che può essere proposto ai pazienti con malattia scarsamente aggressiva e potenzialmente indolente, in buone condizioni di salute, con un’aspettativa di vita superiore a 10 anni e che sarebbero candidati a un trattamento radicale. In questi casi, si effettuano controlli clinici (esplorazione rettale), di laboratorio (PSA) e strumentali (ecografia transrettale e biopsia) a intervalli definiti con l’obiettivo di evitare o posporre effetti collaterali dei trattamenti. La sorveglianza attiva rappresenta un’alternativa alle terapie radicali (prostatectomia radicale, radioterapia esterna, brachiterapia) per i pazienti in classe di rischio molto bassa e anche in alcuni casi bassa. Se durante la sorveglianza attiva, qualche parametro risulta cambiato  o se il paziente desidera interromperla, il medico può proporre  ancora un trattamento curativo;
  • vigile attesa: è un approccio proposto solitamente ai pazienti affetti anche da altre malattie importanti o con un’aspettativa di vita inferiore a 10 anni, in cui si privilegia il mantenimento di una buona qualità di vita limitando gli effetti collaterali delle terapie e l’utilizzo di trattamenti invasivi  Prevede controlli a intervalli per lo più semestrali mediante test del PSA e visita urologica con esplorazione rettale, mentre la ripetizione della biopsia non è indicata. Si inizia una terapia antitumorale (generalmente di tipo ormonale) se compaiono sintomi o disturbi.

È molto importante comprendere bene i pro e i contro per contribuire alla scelta della strategia terapeutica-osservazionale più indicata, che deve tenere conto non solo delle caratteristiche della malattia e dello stato di salute del paziente, ma anche del peso soggettivo che ogni paziente attribuisce ai potenziali effetti collaterali (ad esempio l’importanza e la qualità della vita sessuale).

Nel caso in cui non foste convinti delle risposte o delle proposte terapeutiche che avete ricevuto, è un vostro diritto chiedere un secondo parere consultando un altro specialista.

Informazioni aggiuntive

  • Scarica il libretto in pdf:

    PdfButton

Letto 12696 volte Ultima modifica il Martedì, 10 Aprile 2018

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2019. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.