aimac logo

Conforto spirituale e religioso

È questo il momento in cui molti diventano più consapevoli dei propri sentimenti religiosi o spirituali. Chi ha fede trae spesso da qui la forza per affrontare la malattia, mentre altri, forse per la prima volta nella loro vita, si rendono conto che hanno bisogno di tempo per pensare e discutere i problemi di fede. Forse cominciano a chiedersi se esiste una vita dopo la morte. In questa situazione la preghiera può essere di grande conforto. Molti si sentono sollevati se sanno che altri pregano per loro.

Non rimandate un incontro con il cappellano, il prete, il rabbino, o altri rappresentanti religiosi, solo perché non siete andati a messa regolarmente o perché non siete sicuri di ciò in cui credete. Sono abituati all’incertezza e allo scetticismo e non si stupiranno; il loro compito è quello di confortarvi e di aiutarvi a raggiungere una maggiore verità interiore.

Informazioni aggiuntive

  • Scarica il libretto in pdf:

    PdfButton

Letto 4747 volte Ultima modifica il Lunedì, 30 Settembre 2013

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2019. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.