aimac logo

Terapia adiuvante per il melanoma

Si definisce adiuvante qualunque terapia che viene somministrata a sostegno del trattamento principale allo scopo di ridurre il rischio di recidiva e di migliorare la prognosi dopo il trattamento chirurgico. È indicata nei casi in cui il rischio di recidiva è elevato.

Fino a poco tempo fa, l’unico trattamento disponibile era quello con interferone, ma il beneficio assoluto per il paziente era molto modesto. Attualmente, sono disponibili in Italia due trattamenti adiuvanti: uno basato sulla combinazione dabrafenib + trametinib, in pazienti con melanoma mutato nel gene BRAF e uno basato sugli inibitori di PD-1 (pembrolizumab o nivolumab), in tutti i pazienti con melanoma. Per entrambi i trattamenti, la somministrazione dei farmaci viene eseguita per un totale di 12 mesi. È stato recentemente dimostrato che in circa la metà dei casi sottoposti al trattamento adiuvante con la terapia a bersaglio molecolare o l’immunoterapia non si verificano recidive o progressione di malattia anche a oltre quattro anni dalla fine del trattamento.

Informazioni aggiuntive

  • Scarica il libretto in pdf:

    PdfButton

Letto 11610 volte Ultima modifica il Giovedì, 11 Febbraio 2021

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2019. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.