aimac logo

Sintomi del linfoma di Hodgkin

Il primo sintomo della malattia è di solito un gonfiore indolore di un linfonodo superficiale del collo, ascellare o inguinale. Possono essere presenti anche:

  • sudorazione eccessiva, soprattutto di notte;
  • febbre di origine sconosciuta;
  • perdita di appetito, dimagrimento anche senza una dieta specifica;
  • stanchezza eccessiva;
  • prurito persistente diffuso su tutto il corpo.

Sudore, febbre e dimagrimento sono i sintomi più comuni (convenzionalmente indicati come ‘sintomi B’). Le altre manifestazioni cliniche variano a seconda del gruppo di linfonodi interessati dalla malattia. Ad esempio, in caso di ingrossamento dei linfonodi profondi a livello del torace, possono comparire tosse o dispnea; se, invece, l’ingrossamento interessa i linfonodi addominali, si possono accusare dolore e senso di ingombro, accompagnati talvolta dalla presenza di una protuberanza nella pancia.

Se le cellule tumorali sono presenti nel midollo osseo, possono manifestarsi mancanza di fiato e stanchezza legati alla condizione di anemia, tendenza alle emorragie (sangue dal naso, mestruazioni molto abbondanti, o formazione di piccole macchie sotto la pelle) legate alla mancanza di piastrine, e un aumentato rischio di sviluppare infezioni per la riduzione dei globuli bianchi.

Se accusate uno qualsiasi dei suddetti sintomi, recatevi al più presto dal medico di famiglia per una visita, ma tenete presente che essi possono essere causati da molte altre condizioni patologiche e che la maggior parte di coloro che li avvertono non risulterà affetta da linfoma.

Informazioni aggiuntive

  • Scarica il libretto in pdf:

    PdfButton

Letto 98374 volte Ultima modifica il Lunedì, 01 Dicembre 2014

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2019. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.