aimac logo

Cancro della tiroide

Mentre i noduli benigni della tiroide sono molto comuni (gozzo nodulare), il cancro della tiroide è relativamente più raro.  Nella maggior parte dei casi i noduli non provocano problemi particolari, passando spesso inosservati tanto da essere occasionalmente scoperti soltanto con la palpazione o nel corso di un’ecografia del collo. Solo in una piccola percentuale di pazienti comportano i sintomi tipici dell'ipertiroidismo o, addirittura, della tireotossicosi. Tuttavia, se non adeguatamente diagnosticati e trattati, possono crescere al punto da creare problemi alla deglutizione e alla fonazione per compressione dei tessuti circostanti.

Il cancro della tiroide è la forma più comune di tumore del sistema endocrino; in senso assoluto, è relativamente raro, rappresentando il 3,8% di tutti i casi di carcinoma che si sviluppano nell’uomo.

Sulla base del tipo di cellule da cui ha origine, il cancro della tiroide può essere di due tipi:

  • midollare se deriva dalle cellule parafollicolari, quelle che producono l'ormone calcitonina;
  • non midollare se ha origine dalle cellule follicolari, quelle che sintetizzano gli ormoni tiroxinae triiodotironina.

Nell’ambito dei carcinomi non midollari si possono riconoscere i seguenti sottotipi (istotipi):

  • il carcinoma papillare: è il più diffuso dei carcinomi tiroidei; è frequente nei soggetti di 30-50 anni; presenta, generalmente, un basso grado di malignità, che tende comunque ad aumentare nei pazienti più anziani;
  • il carcinoma follicolare: è meno diffuso; si diagnostica prevalentemente negli anziani. Rispetto al carcinoma papillare appare più aggressivo, pur mantenendo una crescita lenta e una prognosi relativamente favorevole.
  • il carcinoma poco differenziato: deriva dall’evoluzione in senso più aggressivo delle forme papillari e follicolari, rispetto alle quali risulta crescere più velocemente;
  • il carcinoma anaplastico: si può considerare una forma piuttosto rara, che si riscontra in prevalenza negli anziani portatori di gozzo da lunga data. Ha un'altissima malignità. Si manifesta spesso con ingrossamento rapido e doloroso della ghiandola. È, in senso assoluto, uno dei tumori più aggressivi ed è molto difficile da trattare.

La familiarità del cancro della tiroide, vale a dire  l'insorgenza di uno stesso tumore in più componenti della stessa famiglia, è ora riconosciuta anche per il tipo derivante dalle cellule follicolari.

Esistono alcune sindromi associate al cancro della tiroide non midollare (sindrome di Gardner, malattia di Cowden, complesso di Carney e sindrome di Werner). Conoscere l'esistenza di forme familiari della malattia consente di individuare famiglie a rischio e rende possibile la prevenzione.

Il carcinoma midollare è poco diffuso e colpisce soggetti al di sopra dei 50 anni. Può insorgere in forma sporadica o familiare (trasmissione ereditaria di geni anomali), spesso in associazione ad altri tumori o altre malattie dell'apparato endocrino. Per tale motivo, coloro ai quali è diagnosticato un carcinoma midollare della tiroide devono sottoporsi ad un test genetico che consente di escludere o confermare che si tratti di una forma ereditaria. Se il test genetico risulta positivo, i familiari di primo grado del paziente (genitori, fratelli, figli) devono sottoporsi al test per verificare la predisposizione, o meno, alla malattia (50% di probabilità).

Anche per il carcinoma midollare la prognosi è buona se è limitato alla tiroide, ma diventa sfavorevole in presenza di metastasi.

Oltre al carcinoma anaplastico, altre forme molto rare sono il linfoma tiroideo, di solito del tipo non Hodgkin a crescita rapida, e il carcinoma a cellule squamose.

Informazioni aggiuntive

  • Scarica il libretto in pdf:

    PdfButton

Letto 10899 volte Ultima modifica il Venerdì, 17 Giugno 2016

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2019. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.