aimac logo

Perché il PSA non è un marcatore certo di presenza o assenza di tumore maligno?

Diverse sono le ragioni:

  • in un'elevata percentuale di casi, un modesto aumento del PSA totale sopra la norma non si associa al riscontro di un tumore alla biopsia
  • circa il 20% dei tumori prostatici che sono accertati con la biopsia, sono osservati in uomini che avevano valori "normali"di PSA;
  • il PSA non riesce a distinguere tra tumore maligno e ipertrofia prostatica benigna;
  • il PSA può variare periodicamente in misura minima per ragioni non chiare ma, sicuramente, non patologiche.

È proprio per ovviare a queste carenze di affidabilità nella diagnosi certa di tumore che al dosaggio del PSA totale, su indicazione dello specialista, si affiancano altre indagini più accurate (solitamente la biopsia prostatica).

L'obiettivo è migliorare sempre di più le capacità di diagnosi precoce e tempestiva del tumore o della sua eventuale ripresa, garantendo così le migliori possibilità di cura e guarigione.

Informazioni aggiuntive

  • Scarica il libretto in pdf:

    PdfButton

Letto 13580 volte Ultima modifica il Giovedì, 03 Ottobre 2013

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2019. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.