aimac logo

È vantaggioso partecipare agli studi clinici?

Gli studi clinici rappresentano una buona scelta per molti pazienti. Costituiscono un'opzione terapeutica che offre vantaggi e svantaggi. È certamente utile discuterne con il medico curante e con i propri familiari. 

Vantaggi

  • Gli studi clinici offrono un'assistenza oncologica d'alta qualità. Se il paziente è stato inserito in uno studio e non riceve il farmaco in sperimentazione, sarà comunque sottoposto al miglior trattamento convenzionale disponibile. Questo potrebbe avere un'efficacia pari o anche superiore a quella del nuovo farmaco.
  • Se il nuovo farmaco si dimostra efficace e il paziente fa parte del braccio di studio, potrebbe essere tra i primi a trarne beneficio.
  • Valutando i pro e i contro degli studi clinici e le altre opzioni terapeutiche, il paziente assume un ruolo attivo nelle decisioni che riguardano la sua vita.
  • Il paziente ha la possibilità di aiutare altri malati e di contribuire al progresso della medicina nella lotta contro i tumori.

Svantaggi

  • Il nuovo farmaco in sperimentazione non sempre è più efficace del farmaco convenzionale, anzi talvolta è meno efficace, e può avere effetti collaterali non previsti dai medici o peggiori di quelli che accompagnano il farmaco convenzionale.
  • Il nuovo farmaco potrebbe non funzionare in un singolo caso. Nemmeno il farmaco convenzionale, che pure si è dimostrato efficace per molti, giova a tutti.
  • Se riceve il farmaco convenzionale anziché il nuovo farmaco in sperimentazione, il paziente non avrà i benefici derivanti da questo.

Diritti e tutele

La decisione di partecipare ad uno studio clinico spetta solo al paziente, in quanto deve essere considerata come una delle possibili opzioni terapeutiche. Tuttavia, è necessario approfondire ogni argomento importante per la decisone finale con il proprio medico al fine di operare la scelta migliore.
Se il paziente dà il proprio consenso a partecipare ad uno studio clinico, medici e infermieri lo sottoporranno ad una rigorosa osservazione per l'intera durata della ricerca allo scopo sia di controllare la risposta ai trattamenti sia gli eventuali effetti collaterali che questi possono causare.
Se i responsabili dello studio verificano che il trattamento comporta la comparsa di effetti collaterali negativi, metteranno in atto tutte le misure necessarie per controllarli. In alcuni casi, potrebbero ritenere opportuno interrompere la terapia, proponendo al paziente un altro trattamento.

Il paziente ha il diritto di abbandonare lo studio in qualunque momento, avendo la sicurezza che riceverà comunque la miglior terapia disponibile. Uno dei diritti fondamentali è quello riguardante il consenso informato, riconosciuto dalle leggi dello Stato.Il consenso informato prevede che i medici e gli operatori sanitari possono curare una persona solo se questa è d'accordo: il malato deve, cioè, poter decidere se vuole essere sottoposto ad un determinato trattamento e, nel caso specifico, se vuole aderire ad uno studio clinico ed ha il diritto/dovere di conoscere tutte le informazioni disponibili, ivi compresi i potenziali benefici e rischi. Le informazioni più importanti saranno riportate in un apposito modulo, che il paziente dovrà firmare se accetta di partecipare allo studio.

Negli studi clinici, il consenso informato prosegue per tutta la durata dello studio. Ad esempio, il paziente sarà informato di qualunque nuova conoscenza dovesse emergere dallo studio, e in caso di eventuali nuovi rischi, gli potrà essere richiesto di firmare un nuovo modulo se accetta di continuarlo.

Firmare il modulo con il quale il paziente acconsente a partecipare allo studio non significa che è obbligato a portarlo a termine. Egli potrà abbandonare lo studio in qualunque momento e avrà l'opportunità di esaminare altre opzioni terapeutiche.

Informazioni aggiuntive

  • Scarica il libretto in pdf:

    PdfButton

Letto 1599 volte Ultima modifica il Martedì, 05 Aprile 2016

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2015. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.

 

aimac uicc c2c4c pop

logo Filos  

Hai bisogno di informazioni sui diritti del malato?

Filos, l'assistente virtuale è qui per te!

 

AIMAC tree

 

Grazie per aver scaricato il libretto!

I libretti di Aimac per i malati sono gratuiti, ma molto onerosi per l’Associazione che ne cura il costante aggiornamento, la grafica, la stampa e la distribuzione.

La sua lettura Ti è risultata utile?
Con una piccola donazione Aimac potrà continuare ad assicurare ascolto, informazione e sostegno psicologico ai malati e ai loro familiari nel faticoso percorso di cura.