aimac logo

La scelta dell’adozione dopo il cancro

L’adozione è una scelta perseguibile anche per la donna che ha avuto un tumore. E benché ogni caso debba essere valutato singolarmente, in generale non vi sono impedimenti legittimi o etici, e anche in Italia vi sono donne, ma anche uomini, diventati genitori adottivi dopo una storia di cancro.

La pregressa diagnosi di tumore non è di per sé motivo di inidoneità all'adozione. Anche una persona malata o disabile può essere ritenuta idonea ad accogliere un bambino in famiglia; l’importante è che non vi sia un rischio concreto e attuale per la sopravvivenza dell'aspirante genitore (con i limiti per questo tipo di previsione) o della sua capacità di crescere e accudire il bambino.

La procedura  per ottenere l’idoneità all’adozione è lunga e complessa. Una volta presentata la domanda al Tribunale dei Minorenni, inizia la delicata fase delle indagini miranti ad accertare i requisiti di base e lo stato di salute dei coniugi, il loro ambiente familiare e le ragioni per cui desiderano adottare. È probabile che all'aspirante genitore con storia di cancro siano richiesti ulteriori accertamenti sanitari o incontri più lunghi e ripetuti con lo psicologo.

L’adozione può essere nazionale (bambino nato e residente in Italia) e internazionale (bambino nato e residente in uno stato estero). Per aumentare le possibilità di successo e ridurre i tempi, essendo la procedura comune, è consigliabile presentare la domanda di adozione nazionale, dichiarando anche la disponibilità all'adozione internazionale.

Al termine delle indagini, il Tribunale dei Minorenni competente riceve dai servizi dell’ente locale la relazione psico-sociale conclusiva sulla base della quale unitamente agli altri elementi raccolti durante la fase istruttoria, decide se concedere l’idoneità all'adozione.

Informazioni aggiuntive

  • Scarica il libretto in pdf:

    PdfButton

Letto 5813 volte Ultima modifica il Lunedì, 08 Maggio 2017

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2015. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.

 

logo Filos  

Hai bisogno di informazioni sui diritti del malato?

Filos, l'assistente virtuale è qui per te!

 

AIMAC tree

 

Grazie per aver scaricato il libretto!

I libretti di Aimac per i malati sono gratuiti, ma molto onerosi per l’Associazione che ne cura il costante aggiornamento, la grafica, la stampa e la distribuzione.

La sua lettura Ti è risultata utile?
Con una piccola donazione Aimac potrà continuare ad assicurare ascolto, informazione e sostegno psicologico ai malati e ai loro familiari nel faticoso percorso di cura.