aimac

Non so cosa dire

Non so cosa dire


Consigli e suggerimenti per aiutare a superare gli ostacoli nella comunicazione tra parenti, amici e le persone malate.

Rielaborazione critica del testo e prefazione:
Roberta Tancredi (psicologa, responsabile del servizio di accoglienza e supporto psicologico Aimac)

Ultima edizione: ottobre 2014

 

PdfButton

"Non so cosa dire" è un'affermazione che, durante la pluriennale esperienza a fianco delle persone che affrontano il tumore, spesso abbiamo accolto, certamente compreso e,…
La maggior parte di noi non sa cosa dire; tuttavia, la cosa più importante non è ciò che diciamo, ma come ascoltiamo.
Volete aiutare il vostro amico o parente, ma non sapete quale sia la cosa migliore da fare? Bene, forse il punto più logico da cui…
Esistono quattro principali ostacoli alla libera comunicazione tra la persona malata e voi: il malato vuole parlare ma voi non ve la sentite; il malato…
Il ‘buon ascoltatore' può essere definito come colui che ha un approccio alla conversazione sia con la dimensione fisica che con quella psicologica. A volte,…
Può essere di grande aiuto per voi tentare di comprendere ciò che il vostro parente o amico sta provando e rendervi conto delle paure che…
Suggerimenti pratici Una delle sensazioni più comuni di amici e parenti, che desiderano sostenere un malato di cancro, è non sapere da che parte cominciare,…
Quando ad un parente o a un amico viene comunicato che ha un tumore, è una condizione comune sentirsi sopraffatti da mille sensazioni negative e…
Revisione critica del testo: Dott. Roberta Tancredi - AIMaC Questa pubblicazione è stata realizzata nell’ambito del Progetto “L’Albero della Vita” finanziato dal Fondo UNRRA -…

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2015. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.