aimac logo

Come prepararsi al colloquio con i curanti

È importante informare il medico e descrivergli i sintomi nel modo più preciso e dettagliato possibile. Può essere utile avere con sé il diario della fatigue se lo si è compilato oppure annotare le domande da porre al medico, allo psicologo o all’infermiere.

Pretendere che sia ripetuto e spiegato bene ciò che non si è capito è innanzitutto un diritto. Può essere di aiuto farsi accompagnare da un parente o amico: quando si soffre di fatigue può essere difficile ricordare ciò che il medico o l’infermiere hanno detto e  l’accompagnatore può aiutare a recuperare le informazioni perdute.


Alcune domande da porre:

  • Quali sono le cause della mia fatigue?
  • Come posso affrontarla?
  • Quali trattamenti terapeutici sono più indicati per il me?
  • Esistono forme di sostegno diverse dai farmaci (psicologico, sociale, familiare)?
  • Che cosa posso fare per convivere con la fatigue?

Informazioni aggiuntive

  • Scarica il libretto in pdf:

    PdfButton

Letto 5414 volte Ultima modifica il Lunedì, 27 Settembre 2021

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2019. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.