aimac logo

Tumore al fegato

Cos'è?

I principali fattori di rischio

La diagnosi

Come si cura

Il dopo


 

Cos'è?

Il cancro del fegato primitivo, detto anche epatocarcinoma, è un tumore che origina nei tessuti del fegato. Il fegato è uno degli organi più estesi del corpo: è localizzato nella parte superiore destra dell'addome ed è protetto dalla gabbia toracica. Il fegato ha molte funzioni: ha un ruolo importante nella trasformazione del cibo che ingeriamo in energia, e inoltre filtra e conserva il sangue.


Torna in alto


 

I principali fattori di rischio

I fattori di rischio collegati all’insorgenza del cancro del fegato primitivo sono:

  • epatite virale B e C;
  • alcolismo;
  • cirrosi
  • esposizione a tossine;
  • assunzione di steroidi anabolizzanti;
  • disordini metabolici (innalzamento dei livelli di colesterolo e trigliceridi, intolleranza glucidica)

Torna in alto


 

La diagnosi

Molti pazienti non accusano alcun sintomo, ma è bene consultare il medico in caso di:

  • presenza di una massa sul fianco destro, appena sotto la gabbia toracica;
  • fastidio localizzato alla regione addominale superiore destra;
  • dolore intorno alla scapola destra;
  • perdita di peso senza motivo;
  • comparsa di ittero (colorazione giallastra della cute e delle sclere oculari);
  • stanchezza anomala;
  • nausea;
  • inappetenza.

La diagnosi si formula principalmente sulla base di analisi del sangue e indagini che consentano di esaminare lo stato del fegato. Altri esami:

  • radiografia del torace
  • ecografia:
  • Tomografia assiale computerizzata (TAC):
  • Risonanza magnetica nucleare (RMN):
  • Tomografia ad emissione di positroni (PET):
  • agoaspirato o biopsia;
  • angiografia:
  • paracentesi;
  • esofagogastroscopia:
  • colonscopia:
  • laparoscopia.

Torna in alto


 

Come si cura

La scelta del trattamento dipende dall’estensione e dal tipo specifico (primitivo o metastatico) del tumore, dalle condizioni generali e dai referti delle analisi e degli esami a cui si è stati sottoposti.

Le possibilità di trattamento del cancro del fegato, che possono essere messe in atto singolarmente o in combinazione, sono le seguenti:

  • chirurgia:
    - resezione: è l’intervento che consente di asportare solo la porzione di fegato in cui è localizzato il tumore;
    - trapianto: è un intervento difficile, che si attua quando è necessario asportare tutto il fegato e sostituirlo con un fegato sano prelevato da un donatore. Sono pochissimi i pazienti con cancro del fegato idonei ad usufruire di questo tipo di intervento;
    - criochirurgia: è una tecnica chirurgica che sfrutta l’azione necrotizzante di temperature molto basse per distruggere le cellule tumorali.
  • procedure radiologiche interventistiche: si tratta di procedure durante le quali, sotto il controllo dei raggi X o degli ultrasuoni, si possono iniettare sostanze o utilizzare dispositivi in grado di distruggere le cellule tumorali
  • chemioterapia
  • radioterapia
  • SIRT Selective Internal Radiation Therapy: Il SIRT è un trattamento regionale, ovvero le radiazioni sono dirette al fegato, ed in particolare alle cellule tumorali, senza colpire gli altri organi del corpo. È indicato per i tumori primitivi e secondari (metastatici) del fegato.

Torna in alto

 

 


 

Il dopo

 

Concluso il trattamento, il vostro medico oncologo vi sottoporrà a controlli periodici che comprenderanno visite mediche e alcuni esami strumentali. È questo ciò che i medici definiscono convenzionalmente follow-up. Nel caso di intervento chirurgico potenzialmente risolutore all’inizio i controlli avranno una frequenza più ravvicinata (tre-sei mesi), per poi diradarsi nel tempo (una volta all’anno). Inoltre, se siete in trattamento con la chemioterapia oppure se accusate effetti collaterali dovuti ai trattamenti ricevuti, nei primi mesi sarebbe consigliabile presentarsi periodicamente dal medico di famiglia.
Le visite di controllo rappresentano il momento giusto per condividere le vostre ansie o paure con il vostro oncologo e per porgli qualunque domanda. Tuttavia, se nei periodi di intervallo tra un controllo e l’altro aveste dei problemi o avvertiste nuovi sintomi, dovrete contattare il vostro oncologo al più presto possibile.

Torna in alto


 

Questa scheda sintetica è stata estratta da:

- Libretto della Collana del Girasole di AIMaC “Il cancro del fegato”, ultima edizione dicembre 2012

- Profilo DST “Cancro del fegato primitivo degli adulti”, tradotto dal PDQ del National Cancer Institute, ultima revisione dicembre 2005

Letto 32869 volte Ultima modifica il Mercoledì, 04 Febbraio 2015
Vota questo articolo
(6 Voti)

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2015. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.

 

Aiutaci ad aiutare!

 

AIMAC tree

I servizi messi a disposizione da AIMaC per i malati di cancro sono completamente gratuiti, ma molto onerosi per l'Associazione. Se ogni visitatore del sito facesse anche solo una piccola donazione, la nostra raccolta fondi terminerebbe in pochi giorni permettendoci di continuare a sostenere i malati e i loro familiari lungo il percorso della malattia. 

Dona ora!

logo Filos  

Hai bisogno di informazioni sui diritti del malato?

Filos, l'assistente virtuale è qui per te!