aimac logo

Caregiver, il Fondo in legge di Bilancio non convince le associazioni: «Famiglie abbandonate»

Su Sanità Informazione un pezzo di Giovanni Cedrone riporta il commento di Elisabetta Iannelli - Vice Presidente di Aimac - sul 'Fondo Caregiver' di 30 milioni previsto in Legge di Bilancio fino al 2023.

Ecco le parole di Iannelli: «Il caregiver oncologico esiste, ha bisogno di essere aiutato da diversi punti di vista: da quello economico, da quello della tutela del lavoro, da quello psicologico e nella cura della sua salute perché purtroppo il caregiver oncologico trascura la propria salute. Con questi stanziamenti non vedo grandi prospettive: non sono sufficienti per coprire le esigenze».

E ancora: "In una famiglia in cui si ammala una persona di cancro, il caregiver principale, cioè la persona che prevalentemente si occupa del malato, spesso subisce dei contraccolpi di natura economica o nell’ambito lavorativo che possono arrivare fino alla perdita del lavoro o comunque una diminuzione delle entrate e del reddito che andrebbero compensate. I fondi stanziati in Manovra temo che non siano sufficienti nemmeno a coprire le esigenze delle famiglie con disabili gravi».

 

Leggi il commento completo nell'articolo di Sanità Informazione

Scopri quali sono i diritti del caregiver ongologico

Scarica la brochure di Aimac sul ruolo del caregiver

Letto 242 volte Ultima modifica il Giovedì, 07 Gennaio 2021
Vota questo articolo
(0 Voti)

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2019. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.