aimac logo

Goserelin per il cancro della prostata (Zoladex®, Zoladex® LA)

Introduzione

Qual è il principio di azione

Come si somministra

Potenziali effetti collaterali

Mancato rispetto della tabella di somministrazione

Quanto dura il trattamento


 

Introduzione

Potrebbe essere utile leggere il presente Profilo Farmacologico congiuntamente al libretto Il cancro della prostata, pubblicato da AIMaC nell’ambito della Collana del Girasole, che contiene notizie più dettagliate e anche alcuni consigli, inserendo così il farmaco nel contesto della patologia per la quale è più frequentemente usato.

Il goserelin è un farmaco di sintesi usato per il trattamento dei tumori della prostata e della mammella e di alcune altre patologie. Il presente Profilo Farmacologico riguarda il goserelin utilizzato per il trattamento del cancro della prostata.

Il goserelin è un tipo di terapia ormonale. Le terapie ormonali agiscono interferendo con la produzione o con l’azione di particolari ormoni. Gli ormoni sono sostanze che l’organismo produce naturalmente, che fungono da ‘messaggeri’ chimici e contribuiscono a controllare l’attività delle cellule e dei vari organi.

Torna in alto


 

Qual è il principio di azione

La maggior parte dei tumori della prostata ha bisogno, per crescere, del testosterone, l’ormone sessuale maschile. La produzione del testosterone da parte dei testicoli è stimolata dall’ormone luteinizzante, che è prodotto dall’ipofisi, una ghiandola che si trova al centro della base cranica. Il goserelin riduce la produzione dell’ormone luteinizzante, e ciò determina l’abbassamento dei livelli di testosterone in circolo. La crescita delle cellule tumorali rallenta o si blocca del tutto e il volume della massa tumorale si riduce.

Il goserelin può essere somministrato da solo o in combinazione con altri trattamenti. Starà all’oncologo prendere in considerazione diversi fattori prima di decidere se il goserelin rappresenti il trattamento più adeguato per il vostro caso.

Torna in alto


 

Come si somministra

Il goserelin si somministra sotto forma di iniezione sotto cute nella regione addominale. Di solito la somministrazione è mensile (ogni 4 settimane), ma i pazienti possono anche ricevere il farmaco sotto forma di preparato a dismissione lenta ogni 12 settimane. L’iniezione deve essere eseguita da un medico o da un infermiere. Alcuni pazienti trovano questa modalità di somministrazione leggermente fastidiosa, e notano lo sviluppo di un lieve rossore intorno al sito di puntura.

Torna in alto


 

Potenziali effetti collaterali

Le reazioni ai farmaci variano da individuo a individuo. La maggior parte dei pazienti in trattamento con goserelin riferisce pochissimi effetti collaterali, mentre altri ne accusano di più. Il Profilo Farmacologico prende in considerazione gli effetti collaterali più comuni. Sono stati, invece, tralasciati gli effetti collaterali molto rari, ossia quelli che molto difficilmente accuserete. Qualora avvertiate qualunque effetto che ritenete possa essere connesso con l’assunzione del farmaco, ma che non è citato nel Profilo Farmacologico, parlatene con l’oncologo che vi ha in cura.

L’oncologo vi terrà sotto rigorosa sorveglianza per tutto il periodo che sarete in trattamento, in modo che possa controllarne gli effetti. Il nostro Profilo Farmacologico dovrebbe esservi di aiuto per porre all’oncologo, o al personale del reparto in cui siete sottoposti al trattamento, tutte le domande cui desiderate avere una risposta relativamente al trattamento e agli effetti collaterali; essi sono, infatti, gli unici che possono aiutarvi e darvi i consigli giusti per il vostro caso.

Alcuni pazienti potrebbero accusare i seguenti effetti collaterali.

‘Tumor flare’. Il goserelin può provocare un temporaneo innalzamento della concentrazione di testosterone durante i primi giorni o le prime settimane di trattamento. In seguito a ciò, alcuni pazienti parlano di un’esacerbazione della sintomatologia, come ad esempio del dolore osseo, mentre altri riferiscono problemi nella minzione. In casi rari possono insorgere altri problemi connessi con il temporaneo aumento della massa tumorale. Questo fenomeno prende il nome di tumor flare. Informate immediatamente l’oncologo che vi ha in cura, se accusate qualche disturbo. Spesso, nelle prime settimane di trattamento con goserelin i pazienti possono ricevere anche altri tipi di terapia ormonale (ciproterone acetato, flutamide o bicalutamide) a scopo profilattico.

Vampate di calore. Possono essere abbastanza comuni, ma in molti casi tendono a scomparire col tempo. Esistono vari modi per diminuire le vampate e gli accessi di sudore. A volte può essere utile ridurre il consumo di tè, caffè, tabacco e alcool. Da studi recenti è emerso che il progesterone e alcuni farmaci antidepressivi possono essere utili nel tenere sotto controllo questi effetti collaterali. In alcuni casi le terapie complementari sortiscono risultati positivi, e il vostro medico di base potrebbe consigliarvi su come accedere a questi trattamenti.

Diminuzione della libido (desiderio sessuale). Molti pazienti notano un calo del desiderio sessuale durante il trattamento con goserelin, che si protrae solitamente per tutto il periodo della terapia. L’oncologo discuterà con voi questi aspetti. Per ulteriori informazioni potete leggere il libretto dal titolo Sessualità e cancro.

Impotenza. I pazienti notano di solito una certa riduzione della capacità di avere l’erezione, ma anche in questo caso la situazione si normalizzerà alla conclusione del trattamento.

Dolorabilità o gonfiore delle mammelle. I pazienti notano a volte un leggero gonfiore delle mammelle, che sono anche dolenti alla palpazione (ginecomastia). L’oncologo potrà prescrivervi dei farmaci per ridurre questo fastidio.

Rash (eruzione) cutaneo. Alcuni pazienti sviluppano un lieve rash cutaneo. In tal caso informate immediatamente l’oncologo.

Dolori articolari. Alcuni pazienti accusano dolori articolari, che però sono lievi e tendono a scomparire alla conclusione del trattamento.

Aumento di peso e stanchezza. Potreste prendere qualche chilo nel corso del trattamento e anche sentirvi meno in forma del solito. Quest’effetto scompare di solito alla conclusione del trattamento. AIMaC ha pubblicato un libretto sull'argomento dal titolo La Fatigue.

Senso di nausea. Se accusate senso di nausea informate l’oncologo, che vi prescriverà i farmaci più indicati per ridurre il fastidio. Potrebbe essere utile consultare il libretto La nutrizione nel malato oncologico, che contiene consigli e informazioni per risolvere i disturbi alimentari.

Cefalea e sbalzi d’umore. Questi effetti sono piuttosto rari, ma talvolta i pazienti si sentono di cattivo umore o accusano cefalea durante il trattamento con goserelin. In caso di cefalea, è importante bere molto.

Torna in alto


 

Mancato rispetto della tabella di somministrazione

Se l’iniezione è posticipata di qualche giorno, non c’è molta differenza, ma è importante ricordare che i benefici della somministrazione sono destinati a durare quattro o dodici settimane, in funzione del tipo di preparato con il quale è attuata la terapia, e per tale motivo è necessario rispettare il piano di trattamento quanto più possibile.

Torna in alto


 

Quanto dura il trattamento

L’oncologo che vi ha in cura discuterà con voi quella che a suo parere è la durata del trattamento più indicata per il vostro caso. Spesso può trattarsi di diversi mesi o addirittura anni.

 

Ultima revisione: giugno 2004
Titolo originale: Goserelin for prostate cancer (Zoladex®, Zoladex® LA)

Letto 8778 volte Ultima modifica il Mercoledì, 03 Dicembre 2014
Vota questo articolo
(1 Vota)

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2019. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.