aimac logo

Ritardi visite INPS causa COVID-19: chiarimenti su permessi e congedi

Con la nota n.93 del 13/01/2021, l'INPS ha inteso fornire chiarimenti in merito alla fruizione dei benefici in favore dei lavoratori disabili in situazione di gravità, pur nel verificarsi di ritardi sempre più consistenti - determinati dall'emergenza COVID-19 - nelle visite per l'accertamento sanitario degli stati di invalidità e disabilità.

In particolare, la nota chiarisce che i lavoratori che chiedono di fruire di congedi e permessi, nelle more della visita di revisione di invalidità e disabilità, sia che siano stati già autorizzati a fruirne prima della scadenza del verbale, sia che non ne abbiano ancora fatto richiesta ma che intendano fruire di permessi e congedi per la prima volta (sempre in attesa della visita di revisione del verbale scaduto), verranno autorizzati, provvisoriamente, a fruire di detti permessi e congedi (se da loro richiesti).

Tuttavia, nella nota viene anche stabilito che, nel caso che la revisione neghi il riconoscimento dell'handicap grave, l'INPS potrà disporre il recupero retroattivo dei benefici fruiti senza averne diritto.

Per approfondire:

Scarica la nota INPS n.93 del 13 gennaio 2021

Letto 431 volte Ultima modifica il Venerdì, 05 Febbraio 2021
Vota questo articolo
(0 Voti)

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2019. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.