aimac logo

«Noi, malati di tumore, perseguitati dalle aziende per cui lavoriamo»

Nell’articolo de l’Espresso del 13 novembre 2019, a firma di Maurizio Di Fazio, viene fatto esplicito riferimento al lavoro e alle posizioni di Aimac in merito alla necessità di una legge-quadro organica per tutelare i malati oncologici.

Si legge infatti nell’articolo:

La stessa Aimac, l’associazione italiana dei malati di cancro, chiede da tempo una legge-quadro sul malato oncologico. «La disabilità oncologica è la nuova disabilità di massa, ma questo paziente ha esigenze peculiari perché la sua malattia ha un andamento ciclico e altalenante», ha dichiarato Elisabetta Iannelli, vicepresidente dell’Aimac. «Le leggi vigenti sono pensate invece per le cronicità stabilizzate». A rimetterci è soprattutto il mondo del lavoro. Da un tumore si può guarire, dal «cancro in azienda» no.

Leggi qui l’articolo completo dell’Espresso

Letto 237 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2019. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.