aimac logo

Indagine sugli stili di vita degli adolescenti: scende la consapevolezza su rischi e importanza di prevenire i tumori

 

Da Corriere.it

In uno scenario monopolizzato dal Covid, alcune tra le più gravi e diffuse patologie, come ad esempio tumore e malattie cardiovascolari, perdono di rilevanza agli occhi degli adolescenti, con la conseguenza che se ne sottovalutano i rischi e cresce lo scetticismo riguardo la prevenzione. Il dato emerge dall’indagine annuale sugli stili di vita degli adolescenti che vivono in Italia realizzata da Laboratorio Adolescenza e Istituto di ricerca IARD, in collaborazione – per questo specifico aspetto – con la Fondazione De Gasperis di Milano e AIMaC (Associazione Italiana Malati Cancro).

Nell’indagine – che ha interessato un campione nazionale rappresentativo di 8.500 studenti di età compresa tra i 12 e i 19 anni ed un campione milanese di oltre 2.000 casi – sono state poste alcune domande per capire quale fosse, secondo gli adolescenti, la malattia più diffusa e quale quella che causa maggiore mortalità tra tumore, malattie cardiovascolari, diabete e Covid 19.

[...]

I risultati ottenuti relativi ai soli studenti delle scuole superiori descrivono una situazione molto articolata: se ci si riferisce alla percezione della diffusione delle diverse patologie, la percentuale attribuita al Covid-19 (26% dato nazionale contro 27,7% dato di Milano) ha fatto scendere sensibilmente il dato relativo al tumore (40,0% nel 2019 – 26,2% del 2020).

[...]

Ma c’è un altro dato che preoccupa nel confronto passato-presente e riguarda la percezione che gli adolescenti hanno riguardo l’efficacia della prevenzione nei confronti di queste due importanti patologie. [...] Per il tumore la percentuale di chi ritiene che sia possibile fare qualcosa per prevenirlo è scesa – facendo un confronto omogeneo su un campione nazionale rappresentativo di studenti delle scuole medie inferiori – dal 61% (dato del 2017) al 37% (dato del 2021). E qui, spiegano i ricercatori, il calo non è dato dal «conflitto» con il Covid, perché la risposta era indipendente. Più probabile che derivi da una generalizzata sfiducia determinata dalla situazione complessiva in cui ci siamo trovati a vivere in questi anni.

[...]

Che il Covid avesse monopolizzato l’attenzione di tutti era inevitabile e comprensibile, ma nel lento cammino verso un ritorno alla normalità ( sia pure continuamente messo in discussione dall’inquietante turbinio di «varianti» a cui stiamo assistendo) dobbiamo iniziare a rimettere
qualche importante «paletto» nella comunicazione, specie per quanto attiene la salute in generale.
«Non esiste solo il Covid 19 — commenta Laura Del Campo, direttore di AIMaC — e purtroppo ci renderemo tristemente conto, molto prima di quanto si possa immaginare, del gravissimo impatto che avrà il blocco o il rallentamento di fondamentali attività di prevenzione della collettività, quali gli screening oncologici e laddove è possibile, come nel caso dell’Hpv, la vaccinazione. Proprio l’Hpv, vaccinazione tipica dell’adolescenza, è un campanello d’allarme, perché nell’anno Covid, un po’ come si è verificato per tutte le altre vaccinazioni, la copertura vaccinale è scesa. Il nostro impegno, in questa fase di crisi che stiamo attraversando, è proprio quello di invertire la tendenza e, attraverso un’informazione responsabile e accurata rivolta proprio agli adolescenti, far comprendere alle ragazze a ai ragazzi l’importanza della prevenzione in generale e della vaccinazione HPV in particolare

 

Leggi l'articolo completo

Letto 602 volte Ultima modifica il Mercoledì, 18 Maggio 2022
Vota questo articolo
(0 Voti)

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2022. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.