aimac logo

Rischio di cancro alla prostata e familiarità

L'età alla diagnosi di cancro prostatico nei familiari più stretti, padre o fratello, e la presenza di più parenti di primo grado affetti dallo stesso tumore suggerisce un alto grado di rischio nei familiari sani. Una valutazione approfondita del rischio di cancro alla prostata nei familiari sani è importante per poter programmare il counselling clinico e le raccomandazioni per lo screening. Ricercatori del German Cancer Research Centre di Heidelberg hanno valutato i rischi età-specifici di cancro alla prostata e il rischio di morte per il tumore in relazione al numero e all'età dei familiari di primo grado affetti dalla malattia. Il database svedese nazionale per il cancro familiare che raccoglie le informazioni di più di 11.8 milioni di pazienti dal 1958 al 2006 è stato utilizzato per identificare i maschi e i relativi genitori (> 3.9 milioni di persone), che sono stati seguiti dal 1961 al 2006. Lo studio pubblicato nella rivista European Urology (leggi  abstract originale) ha incluso 26651 casi di cancro alla prostata, di cui 5623 appartenevano a nuclei familiari. Il rischio (hazard ratio, HR) età-specifico di cancro alla prostata e di morte è stato calcolato in relazione al numero e all'età di padri e fratelli colpiti dal tumore. Il rischio (HR) di diagnosi di cancro alla prostata aumentava con il numero di familiari colpiti dal tumore e diminuiva con l'età. I rischi HR più alti sono stati osservati negli uomini di età inferiore a 65 anni, che avevano tre fratelli con il tumore (HR circa 23), e i più bassi invece negli uomini tra i 65 e i 74 anni il cui padre aveva ricevuto diagnosi di tumore alla prostata (HR circa 1.8). Il rischio aumentava con il diminuire dell'età alla diagnosi ricevuta dal padre o dal fratello. Il rischio di morte per cancro familiare alla prostata era paragonabile ai dati di incidenza. I risultati dello studio dovrebbero aiutare il counselling clinico e dimostrano l'ampio aumento del rischio quando più membri della stessa famiglia hanno ricevuto diagnosi di cancro alla prostata.

Letto 2586 volte Ultima modifica il Venerdì, 03 Ottobre 2014
Vota questo articolo
(0 Voti)

ATTENZIONE!

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica.

Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, AIMaC declina ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.


© AIMAC 2019. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la trasmissione in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, comprese fotocopie, registrazioni o altro tipo di sistema di memorizzazione o consultazione dei dati sono assolutamente vietate senza previo consenso scritto di AIMaC.